Guarda il filmato di presentazione di Popolis ! Leggi i valori che hanno ispirato la comunità di Popolis! Torna in home page
Martedì 21 Ottobre 2014 - ore  
7:19
 
SERVIZI NOPROFIT TERRITORIO SCUOLA TEMPOLIBERO ECONOMIA MONDO
Ultimo aggiornamento: oggi alle ore 07:10
Buongiorno
Cinema & TV
Teatro
Gastronomia
Videoricette
Gli antipasti
I primi
I secondi
I secondi di carne
I secondi di pesce
I contorni
I condimenti
I dolci
Le bevande
Libri
Mostre
Musica
Pensieri & Parole
Per i piccoli
Sport
Verde di stagione
Viaggiare...
Tecnologie
Sei in Home Page > TempoLibero > Gastronomia 
Gastronomia
Fatti uno Yogurt
Un metodo semplice ed infallibile per produrre da soli a casa lo yogurt
Stampa il testo dell'articolo ! Versione stampabile Inviaci la tua opinione in merito all'articolo pubblicato ! La tua opinione
Invia l'articolo ad un tuo amico ! Invia ad un amico
Photogallery Photogallery
Condividi con:

dalla redazione

Lo yogurt è un alimento che dovrebbe essere presente in un corretto regime alimentare. È molto più digeribile del latte, equilibrato, saziante e ricco di calcio. Produrre lo yogurt in proprio è semplice e divertente, ed economicamente è piuttosto vantaggioso.

Con un litro di latte si produce un kg circa di yogurt, al costo di 1,30 Euro, un kg di yogurt intero di qualità costa circa 4 Euro al kg. Lo yogurt si può produrre con la yogurtiera, oppure con un metodo casalingo, infallibile, che ora andremo a descrivere. Il latte è molto ricco di fermenti e microrganismi e questo affollamento ostacola lo sviluppo e la riproduzione dei fermenti specifici che lo trasformano in yogurt. Pertanto, se si usa latte fresco occorre prima bollirlo per sterilizzarlo. Oppure si può usare latte a lunga conservazione, che è stato già sottoposto a sterilizzazione.

Per fare lo yogurt la prima volta si possono comprare in farmacia bustine di fermenti liofilizzati (lactobacillus bulgaricus e streptococcus termophilus) che vanno sciolti nel latte alla temperatura di 40-45 gradi centigradi (un po' più della temperatura corporea umana). Questa è la temperatura ideale in cui i fermenti svolgono la loro attività e si moltiplicano. La loro attività sviluppa calore e mantiene la temperatura iniziale, purché non ci siano dispersioni termiche. Quindi il recipiente dove si fa lo yogurt va avvolto in una copertina di lana. Oppure si possono utilizzare apposite yogurtiere in cui la temperatura è mantenuta da un'apposita resistenza elettrica dal consumo molto basso. Sciogliendo i fermenti nel latte alla sera, la mattina seguente lo yogurt è pronto. Per farlo diventare più denso occorre metterlo in frigo.

Dopo averlo fatto la prima volta, basta conservarne la quantità di un vasetto e scioglierlo in un litro di latte sterilizzato per riavviare il processo. Invece di comprare i fermenti lattici liofilizzati in farmacia, lo yogurt si può fare la prima volta sciogliendo in un litro di latte un vasetto di yogurt con fermenti lattici vivi. Vanno molto bene gli yogurt che contengono due diversi ceppi di fermenti: il Lactobacillus Acidophilus e Bifidum Bacterium Lactis, che sono probiotici. A differenza del Lactobacillus Bulgaricus e dello Streptococcus termophilus, che con maggiori difficoltà rimangono vivi nell'ambiente acido dello stomaco e quindi esercitano uno scarso effetto sulla flora batterica intestinale, i fermenti probiotici sono molto più resistenti e riescono ad arrivare numerosi nel colon, dove proliferano, svolgendo un'azione rigenerante e fortificante contro i batteri nocivi.

Per sapere tutto sullo yogurt, vedi il sito di yogurt-forever.

Data di pubblicazione: 27/01/2009 - ore 09:32

Commenta su Facebook:

Altre notizie dal nostro archivio
Ricordi di latte
Voglia di latte fresco?
Fatti mandare dalla mamma....
© Copyright 2006 - Popolis.it