Guarda il filmato di presentazione di Popolis ! Leggi i valori che hanno ispirato la comunità di Popolis! Torna in home page
Mercoledì 23 Luglio 2014 - ore  
9:39
 
SERVIZI NOPROFIT TERRITORIO SCUOLA TEMPOLIBERO ECONOMIA MONDO
Ultimo aggiornamento: oggi alle ore 02:49
Buongiorno
Ti consigliamo:
Visita il sito di Brescia Volontariato
Scopri anche tu il progetto Microfinanza Campesina in Ecuador
Sei in Home Page > NoProfit 
NoProfit
TdO, percorso di formazione
Il know-how della Cooperativa Sociale Giolli in un programma triennale: dal 7 ottobre
Stampa il testo dell'articolo ! Versione stampabile Inviaci la tua opinione in merito all'articolo pubblicato ! La tua opinione
Invia l'articolo ad un tuo amico ! Invia ad un amico
Photogallery Photogallery
Condividi con:
Augusto Boal di Valeria Gasperi

Reggio Emilia - Un percorso triennale per far conoscere il metodo del Teatro dell'Oppresso come lavoro coi gruppi e sul territorio: la proposta della Cooperativa Sociale Giolli - Centro permanente di ricerca e sperimentazione teatrale sui metodi Boal e Freire è caratterizzata da innovazione (è stato aggiunto un anno al programma tradizionale) e dall'essere, ad oggi, una sorta di summa del know-how finora maturato nello specifico ambito di ricerca del Centro. 

Durante il primo anno si lavorerà sulla dialettica oppressione liberazione, iniziando dal primo stage di creazione del gruppo e proseguendo a esplorare le oppressioni che man mano emergeranno nelle 4 aree: le corporee, le micro sociali, le interiorizzate, le politiche. Questo lavoro verrà portato avanti anche attraverso letture e riflessioni dei punti di riferimento teorici della materia: Freire, Gandhi e Boal. Si prevede anche uno spettacolo pubblico.

Il secondo anno vedrà un lavoro interno di conduzione di singole tecniche e piccoli percorsi con rimandi ai corsisti e orientamento rispetto all’uso che ne vorrebbero fare (nel territorio, nella professione, come spettacolo…). Sarà centrato quindi sulla simulazione della conduzione delle varie tecniche apprese nel primo anno, compiute dai partecipanti stessi. Ci sarà anche uno spazio per la teoria e per la progettazione di un intervento col TdO.

Il terzo anno prevede un percorso classico di 150 ore di tirocinio sul campo, in attività proprie o di Giolli e tre giornate di incontro con tutti i tirocinanti, anche passati, all'inizio, a metà e alla fine del tirocinio personale con obiettivi diversi: progettazione del tirocinio, valutazione intermedia e valutazione finale. Ci sono anche altri due percorsi più brevi. Giolli non garantisce che si attui il 3° anno (tirocinio) poco dopo la fine del 2°, se non si raggiunge il numero sufficiente di iscritti o se non si riesce organizzativamente a garantire un buon tirocinio (mancanza di lavoro, mancanza di tutor sufficienti, ecc.).

I conduttori, Roberto Mazzini e Massimiliano Filoni, si alterneranno nei vari stage. In alcuni, a seconda del tema e dell'evoluzione del gruppo e del lavoro, saranno compresenti. Ogni stage si basa sull’esperienza personale delle tecniche e dei percorsi. L’osservazione, la lettura, l’analisi teorica e la discussione completano il lavoro. La residenzialità è d’obbligo al primo e secondo anno, per facilitare il lavoro del gruppo e la creazione del clima adatto. Verrà rilasciato un attestato di partecipazione finale a chi avrà partecipato all’80% dell’anno.
Data di pubblicazione: 07/10/2011 - ore 02:01

Commenta su Facebook:

In pratica

10° Percorso Base sul Teatro dell’oppresso come coscientizzazione

Cosa & Quando:
1° Anno
Il Lavoro sull’oppressione/liberazione
7 ottobre 2011 – 1 luglio 2012
Calendario

Dove:
Centro di Spiritualità Mariavittoria Spallanzani Visconti
Albinea
Reggio Emilia
Come arrivare

Contatti & Info:
Giolli Società Cooperativa Sociale
Centro permanente di ricerca e sperimentazione teatrale sui metodi Boal e Freire
T 0521-686385
Via Chiesa 12
Montechiarugolo
Parma
web
@

Photo gallery
© Copyright 2006 - Popolis.it