Tempo di lettura: 2 minuti

Le buone idee creano ricchezza quando circolano e ciascuno può aggiungerci del suo. Come fanno i creativi di Opendot, centro di ricerca e fab lab milanese, che hanno lanciato da alcuni anni “The other design”, ossia un design che crea prodotti fatti su misura per ogni singola persona. E questo principio lo applicano, in particolare, per costruire ausili per le persone con disabilità.

Ogni disabile lo è a modo suo e ha esigenze che possono essere diverse. Non solo, i progetti dei pezzi realizzati sono in open source e quindi chiunque può utilizzarli e migliorarli. Il progetto “L’oggetto che non c’è” è nato dalla collaborazione con TOG – Together To Go, onlus che nel 2011 ha dato vita a un centro per la riabilitazione di bambini colpiti da patologie neurologiche complesse. Dai giochi a “semplici” ausili come quello che aiuta a tenere in mano una matita, tutto è realizzato su misura, in collaborazione con gli operatori sanitari di Tog, i bambini e i loro genitori.

E se poi c’è un bambino che ha bisogno di un ausilio simile e abita lontano, magari in Sicilia o in Sardegna, può affidarsi a un fab lab o a un artigiano digitale della sua città per farlo realizzare: i progetti sono open source, basta adattarli alle esigenze del bambino.

Opendot e Tog hanno anche altre ambizioni. La prima è quella di realizzare un software che permetta di fare la scansione degli arti per poi realizzare, con una stampante 3D, tutori in gesso personalizzati, più leggeri e lavabili. Il software sarà a disposizione degli stessi operatori sanitari, che potranno costruire direttamente i tutori. Inoltre, sta partendo la co-progettazione con alcune università, con la Nuova accademia di belle arti e con Domus Academy per altri ausili e giochi.

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *