Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. Un “buon compleanno” all’associazione Donne Senza Frontiere che celebra il decennale della propria fondazione avvenuta nel settembre 2009, con una festa mercoledì 30 ottobre al Forum di via Speciano 2 alle ore 17.30.

Un momento conviviale con musica ed aperitivo, ma non solo. Voci del territorio racconteranno del loro impegno e del loro lavoro a favore del benessere della donna e della sua famiglia; dove benessere non è solo la salute fisica, ma sono le buone abitudini, le buone pratiche, l’armonia delle relazioni, il rispetto e la cura per il sè, la comunità, il territorio.

Il mondo. Oltre a rappresentanti delle Istituzioni e socie fondatrici di DSF, avremo nuovi ospiti: una pediatra, una ostetrica e alcune operatrici dei servizi presenteranno le loro iniziative a favore della salute della donna, della famiglia, per affrontare con serenità, positività, buone pratiche, gli inevitabili scogli e difficoltà del nostro vivere quotidiano. Tutti saranno i benvenuti, Donne Senza Frontiere vi aspettano.

L’Associazione Donne Senza Frontiere opera nei settori civile, culturale e della solidarietà, è costituita da donne italiane e immigrate si pone come punto di ascolto e riferimento, per l’informazione e l’orientamento verso servizi e opportunità presenti sul territorio. Si impegna a promuovere la solidarietà e l’inclusione sociale tra donne; intende promuovere i diritti di cittadinanza delle donne migranti.

Tra le attività che l’associazione promuove in modo continuativo c’è uno sportello di ascolto rivolto alle donne per orientare le loro richieste e i loro bisogni alle risorse del territorio. L’associazione ha partecipato nel corso della sua attività a numerosi progetti in partnership con altre associazioni e con Istituzioni Locali, gestisce interventi di formazione, quali convegni o percorsi formativi , anche in collaborazione con altre realtà del territorio; collabora con enti e istituzioni per la realizzazione di percorsi di inclusione sociale.

Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.