Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia – Non si ferma il Festival itinerante Filosofi lungo l’Oglio, fondato e diretto dalla filosofa levinasiana Francesca Nodari, sul tema di questa XIV edizione “Generare”.

Lunedì 17 giugno è atteso l’economista Stefano Zamagni che terrà una lectio magistralis dal titolo “La responsabilità. Del generare nella stagione delle ‘passioni tristi’ al Castello Guaineri di Roncadelle in provincia di Brescia. E’apprezzato in tutto il mondo per i suoi studi in materia di economia sociale. Dal 27 marzo scorso è presidente della Pontificia accademia delle scienze sociali.

Stefano Zamagni
Stefano Zamagni

Martedì 18 giugno sarà la volta del filosofo e saggista Duccio Demetrio che parlerà di “Farsi figli delle nostre parole: la scrittura come riparazione e riconciliazione” alla Cascina Tokyo di Trenzano in provincia di Brescia.

Le sue ricerche promuovono la scrittura di se stessi, sia per lo sviluppo del pensiero interiore e autoanalitico, sia come pratica filosofica. Già ordinario di Filosofia dell’educazione e di Teorie e pratiche della narrazione all’Università di Milano Bicocca, è direttore scientifico del Centro Nazionale Ricerche e studi autobiografici della Libera università dell’Autobiografia di Anghiari (da lui fondata nel 1998 insieme a Saverio Tutino) e di “Accademia del silenzio”.

Duccio Demetrio
Duccio Demetrio

Giovedì 20 giugno chiuderà la terza settimana di incontri il celebre filosofo Emanuele Severino con “Genesis”, nella suggestiva cornice del Monastero di San Bernardino a Caravaggio in provincia di Bergamo. Emanuele Severino è professore emerito di Filosofia teoretica presso l’Università di Venezia e insegna Ontologia fondamentale presso l’università Vita-Salute San Raffaele di Milano. È Accademico dei Lincei.

Continuano anche gli eventi cornice paralleli agli incontri tematici. Torna il 22 giugno il laboratorio creativo “A Tu Per Tu Con L’opera D’arte. Riflessioni Generative” presso la Collezione Paolo VI a Concesio. Una declinazione del tema del Festival, un affondo interpretativo rispetto al rapporto tra l’artista e il fruitore, tra arte e vita.

Il 18 giugno, invece, un nuovo appuntamento con la performance di danza aerea ad opera de “Le Rondini” accompagnerà la kermesse.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *