Darfo Boario (Brescia) – L’amministrazione di Darfo Boario Terme è una delle più attive nel contrasto alla violenza contro le donne e nell’aiuto e sostegno alle vittime.

La cronaca, quasi ogni giorno, ci mostra questa spirale di aggressività e di brutalità che non fa distinzione di classi sociali, situazioni economiche, etnie ed età diverse e che trova nel silenzio il suo miglior alleato.

Tacere sulla violenza è quasi come perpetrarla. Si impone a tutti il dovere morale, oltre che civico, di proporre una riflessione che non si concentri solo in una giornata, ma che duri un anno intero per non dimenticare, per non farci distrarre dal rapido cambiamento degli argomenti mediatici e della quotidianità.

Fermarsi e pensare, per poi agire. Queste sono le riflessioni e il filo conduttore che hanno sostenuto la Commissione Cittadina per le Pari Opportunità nel proporre alcuni eventi che prenderanno il via con la fiaccolata del 25 novembre, lungo un percorso cittadino di testimonianza e di impegno, accompagnato da soste con musiche e letture a tema.

Ancora le arti, il teatro e la pittura, saranno il canale cui è affidata la riflessione: domenica 29 novembre, la giovane compagnia camuna Altatiater metterà in scena lo spettacolo “PERO’ TI AMO – Racconto evocativo di un femminicidio”, uno spettacolo di teatro civile che indaga la sempre più concreta realtà della violenza domestica sulle donne.

Sarà affidata, invece, alla pittura di Patrizia Tigossi, l’analisi artistica con la mostra dal titolo “io ci metto la faccia” in esposizione presso il Municipio dal 23 novembre al 12 dicembre.

Carolina Perfetti (Responsabile del Coordinamento Donne SPI Lombardia) condurrà, il 10 dicembre, la conversazione sul tema “il danno sociale degli stereotipi”.

Ci si chiederà quali conseguenze hanno nella nostra società concezioni ancora radicate secondo cui la donna è subalterna, priva di autonomia, legata a ruoli tradizionali, E ancora: esiste un rapporto stretto tra questi stereotipi e le sofferenze, le tragedie che la cronaca ci racconta.