Cremona. Sarà un grande evento la 25ª Festa del Volontariato nelle piazze della città domenica 25 settembre. “Azioni e relazioni” si tessono come tanti fili per riaffermare che la solidarietà riparte dalla comunità. Sono fili sottili e intrecciati ma resistenti quelli che per la seconda volta, dopo l’edizione di un anno fa, costituiscono il logo della tradizionale Festa del Volontariato di Cremona.

Giunto alla sua 25° edizione, l’evento torna domenica dalla ore 10 alle 19 in piazza del Comune e Stradivari con oltre 130 stand di associazioni e organizzazioni, progetti ed esperienze organizzate che dalla stessa comunità cremonese stanno traendo linfa vitale per rispondere con la solidarietà a bisogni vecchi e nuovi.festa volontariato logo

La Festa del Volontariato 2016 è organizzata da Cisvol – CSV Cremona, dal Forum Terzo Settore, dal Comune di Cremona e dalle associazioni di volontariato cremonesi. Vede il patrocinio e la collaborazione di Provincia di Cremona, Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona, Sistema Socio Sanitario Regione Lombardia ASST Cremona, Azienda Sociale Cremonese, FareLegami.

Con il contributo di Cassa Padana che da anni è, più che solo sponsor, un alleato importante del Cisvol, per riaffermare il ruolo importante di fare banca sul e con il territorio; ed essere sempre presente ad ascoltare i bisogni crescenti della società.

Si colloca in un momento di profondo cambiamento sociale ed economico questa edizione di una Festa che, di anno in anno, oltre ai volti dei volontari, ha restituito all’intera città anche una narrazione in tempo reale dei problemi, delle difficoltà, delle battaglie ma anche delle conquiste e delle risalite di una comunità che nella propria capacità di non escludere ha spesso trovato vie innovative da percorrere verso un futuro solidale di pace, diritti, accoglienza e competenze.festa volontariato

Fili solidali che raccontano di noi, dicono gli organizzatori, seguendo i colori dei “fili della solidarietà”, domenica 25 settembre, nelle piazze cremonesi incroceremo i tanti percorsi tematici del volontariato attivo in città, le reti di associazioni come il Coordinamento Disabilità, la Rete Amministratore di Sostegno, la Tavola per la Pace, l’Alleanza contro le povertà, Rete Donne Se Non Ora Quanto?, Panathlon/Coni.

Ma saranno ascoltate anche le esperienze dei Comitati di Quartiere, dei progetti WelfareLegami e ExSportAbile: nuovi percorsi che, da punti di partenza differenti, stanno facendo maturare i frutti di una comunità più solidale e inclusiva.

ExSportAbile torna alla Festa dopo la partecipazione dello scorso anno, lo fa con le proposte sportive della rete di associazioni sportive e le società canottieri che da due anni animano questo progetto. Sarà possibile assistere ad esibizioni di arrampicata sportiva, judo, basket in carrozzina, tennis in carrozzina, scherma, canottaggio, equitazione.Festa volontariato 2013

E non mancheranno, d’altra parte, associazioni e organizzazioni vecchie e nuove, testimoni e continuatrici della una lunga tradizione volontaristica cremonese nei filoni: ambiente, protezione civile, tutela animali, assistenza sociale, cultura, sport e tempo libero, diritti e cooperazione internazionale, salute, e poi storie di volontariato vissuto raccontato dai ragazzi, laboratori per i più piccoli, i risultati del bando UnaCollanaPer reso possibile proprio grazie a una raccolta fondi avviata in occasione della Festa del Volontariato nel 2014 e che ha coinvolto 1.900 studenti, 21 organizzazioni, 18 altre realtà del Terzo Settore, 10 plessi scolastici e 3 istituzioni.

Molti eventi collaterali, che allargheranno i confini temporali della festa ben oltre la 24 ore di domenica. Come vivere la Festa: nelle piazze ma non solo: tutti gli aggiornamenti, le foto, i video e il programma completo dell’evento si trovano sul sito www.festavolontariato.org. Per rimanere aggiornati in tempo reale connettiti a Facebook 

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.