Tempo di lettura: 2 minuti

Forlì – Giovedì 25 novembre, in occasione della “Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne” è previsto per tutte le donne l’accesso alla mostra fotografica Essere Umane (ai Musei di San Domenico di Forlì) alla tariffa ridotta di € 10 anziché 12€ e il progetto Terra del Buon Vivere donerà a tutti i visitatori una copia del diario “Mica Storie”, un diario che raccoglie esperienze e punti di vista di autori e autrici che si stanno muovendo per combattere gli stereotipi di genere e trovare esempi positivi per un futuro comune, scritto e illustrato da Laura Fuzzi.

“Essere Umane – dichiara Monica Fantini, co-curatrice della mostra – è un inno alla genialità, alla visione e al coraggio delle donne. Donne apripista che attraverso il linguaggio degli occhi penetrano nella mente e nell’anima di chi, guardando i loro scatti, capisce quanta strada ci sia ancora da fare per educarci al rispetto dell’uguaglianza, dell’essere pari nelle differenze.

Il Buon Vivere è da sempre in prima linea sul sensibilizzare a questo, utilizzando tutti i mezzi possibili per farlo. Per educare al rispetto, per promuovere la cultura dell’equità come primaria leva per ogni sostenibilità concretamente praticata nel momento che l’impegno è lasciare un mondo migliore a chi dopo di noi verrà.

La pandemia ha aggravato gli episodi di violenza di genere, ha alzato ulteriormente il muro e questo è inaccettabile. Per abbatterlo bisogna agire insieme, bisogna usare leve educazionali e di sensibilizzazione, nelle scuole, ma non solo. Il bene non va confuso con il possesso e non esiste amore che contempli la violenza.

L’impegno per prevenire la violenza di genere non esclude nessuno, ci coinvolge tutti come persone che si considerano umanità, ognuno di noi deve fare la propria parte, solo così il rispetto verso l’altro diventerà cultura. Non esiste Buon Vivere fintanto che esisterà violenza di genere, fintanto che le differenze non saranno pienamente considerate il valore imprescindibile per guardare con fiducia al futuro”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome