Tempo di lettura: 2 minuti

Casalmaggiore, Cremona. Sui blocchi di partenza sabato 9 settembre la 33° Esagonale del Po, il grande appuntamento con l’atletica leggera organizzato dalla storica associazione ASD Atletica Interflumina. Sei le provincie affacciate sul grande fiume da cui provengono gli atleti, categoria cadetti e allievi, che alle ore 16 scenderanno in gara sul campo di atletica leggera Baslenga di Casalmaggiore.

È il più importante appuntamento con l’atletica del comprensorio Oglio – Po, i ragazzi compresi tra i 14 e i 17 anni provengono dalle provincie di  Cremona, Mantova, Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Modena.

È l’appuntamento con l’atletica leggera, con lo sport, ma soprattutto con 300 giovani e giovanissimi in gara, ragazzi che nell’atletica hanno trovato un grande stimolo per la loro energia e un grande impegno. Senso di appartenenza al gruppo e voglia di dividere le giornate con gli altri, volontà di mettersi in gioco e di saper vincere o perdere con la stessa vitalità e lealtà. Succede quando lo sport e l’atletica non sono solo centri ricreativi o di formazione atletica, ma vere scuole di vita.

Educare nello sport è la mission principale dell’associazione Interflumina, che affianca formazione educativa complementare alla formazione sportiva, portando sul podio atleti di livello nazionale e internazionale. Ultimo grande atleta in forte ascesa internazionale Fausto Desalu  nei 200 metri.

La 33° Esagonale del Po si preannuncia come un importante momento di cultura dello sport, supportato da Cassa Padana. Alle ore 16 vedrà in gara le allieve del salto con l’asta per il “Trofeo Cassa Padana”.

Sono ben 9 i memorial in palio per i giovani atleti, a confermare la longevità e il forte radicamento sul territorio del lavoro sportivo della ASD Atletica Interflumina. Sono: il 31° Memorial Bruno Tartari legato alla Marcia, il 12° Memorial Bruno Guarneri (asta, allieve), l’11° Memorial Claudio Lodi Rizzini (asta allievi), il 10° Memorial Amedeo Becchi (giavellotto cadetti), il 9° Memorial Alberto Baruffaldi (triplo allieve), il 9° Memorial Nino Masseroni (100 hs cadetti), il 9° Memorial Mario Oliva (800 allieve), il 7° Memorial Paolo Corna, fondatore nel 1975 dell’Atletica Interflumina, il 6° Memorial Maria Teresa Riccaboni (1000 cadette).

Fondata nel 1975, l’associazione Atletica Interflumina, prende vita da una poesia di Virgilio:

fortunate senex hic inter flumina nota et fontis sacros frigus captabis opacum
(fortunato vecchio qui, tra i noti fiumi, godrai la fresca ombra).

I fiumi a cui il poeta Virgilio faceva riferimento erano l’Oglio e il Po. Tra questi fiumi l’associazione è stata in questi anni un importante punto di riferimento per lo sport, l’atletica e per i giovani, contribuendo allo sviluppo ed alla diffusione della atletica leggera, della corsa orientamento e degli sport paralimpici. Ha inoltre un centro di medicina dello sport.