Tempo di lettura: 3 minuti

Orzinuovi. Sono passati 70 anni dall’estate del 1948 quando si inugurava la Fiera di Orzinuovi, oggi è ormai una manifestazione regionale sempre più importante e completa. Nata dopo la guerra come rassegna economica, occasione di divertimento e arricchimento culturale in occasione della festa del patrono S. Bartolomeo, la fiera è stata proposta, anno dopo anno, divenendo un appuntamento proprio della tradizione della Bassa bresciana.

Tradizione e innovazione si intrecciano nel ricco programma di eventi, incontri e convegni che costituisce, insieme all’area espositiva, il cuore della 70ª Fiera Regionale di Orzinuovi dal 30 agosto al 3 settembre, con un programma ricco di manifestazioni riguardanti agricoltura, artigianato, commercio, arte e cultura, tradizionali pilastri della fiera orceana, affiancati da enogastronomia, innovazione tecnologica e sport, senza dimenticare associazionismo e solidarietà, coesisteranno in una Fiera 2018 che, guardando ai successi del passato, è pronta a scommettere sul proprio longevo futuro.

Primo appuntamento della 70ª edizione, il convegno inaugurale di giovedì 30 settembre, quest’anno dedicato al tema del “Ritorno alla terra”. A seguire, tra venerdì 31 agosto e lunedì 3 settembre, le migliaia di visitatori che riempiranno le vie della città bresciana potranno spaziare tra 10 aree tematiche centro di esposizioni, convegni, dibattiti ed eventi sui temi più “caldi” per ciascun settore di interesse.

A cominciare dall’Agricoltura, rappresentata da aziende e tecnologie all’avanguardia, dalla presenza di Coldiretti oltre che dal tradizionale convegno di Confagricoltura Brescia sulla suinicoltura e da altre speciali iniziative come la tappa del campionato italiano di Tractor Pulling.mucche

Nel settore Zootecnia, gradite conferme come i bovini di razza Frisona, la capra Bionda dell’Adamello e i cavalli Haflinger, insieme a conigli e asini, accolgono la “new entry” dei cavalli Maremmani, mentre si invitano bambini e famiglie a partecipare alle passeggiate con gli asini e agli incontri del progetto Asinando.

Dall’agricoltura al contesto enogastronomico, il Parco del Gusto ospita i migliori produttori di birra, formaggi, pasta fresca, salumi, confetture, spezie, sessioni di showcooking e due interessanti contest: il 1° Concorso Provinciale dei “Casoncelli Bresciani” e il 3° Concorso Nazionale dei “Formaggi di Capra”.

Insieme all’esposizione delle ultime novità di commercianti e aziende e al mercatino dell’antiquariato, Artigianato e Commercio sono protagonisti del convegno di Confartigianato, che celebra nel 2018 il Settantesimo, proprio come la fiera orceana.

Riconfermate anche la Piazza in Fiore, con piazza Vittorio Emanuele II e via Roma trasformate in un grande e suggestivo giardino “en plein air” e l’area Mielandia noi siamo alveare, che prevede corsi di apicoltura, laboratori di cucina, analisi sensoriali per adulti e bambini, la mostra di insetti, e il 1° Concorso “Mieli di Lombardia”.

Nata dalla collaborazione con Decathlon, l’area Sport e Tempo libero intensifica ulteriormente il calendario di attività sportive per bambini e famiglie organizzate da associazioni, società sportive e palestre del territorio. Sorpresa 2018 nell’immancabile area Auto e Motori, la presenza di un autentico Autosbròfa, mezzo utilizzato fino agli anni 70 per rinfrescare il centro di Orzinuovi nelle giornate estive.

Nel peculiare “abbraccio” tra tradizione e innovazione che caratterizza la fiera, aumenta lo spazio dedicato alle ultime tendenze di edilizia sostenibile, efficienza energetica, investimenti finanziari e sicurezza, nel concetto di smart city che sottende il Campus Riabitare. Tra le novità di quest’area, i droni, in esposizione e demo live, e le riflessioni sul verde pubblico e sul patrimonio arboreo di Orzinuovi. In tema sicurezza, spiccano anche le inedite dimostrazioni cinofile di abilità controllo e difesa personale.

Ultimo, ma davvero intenso, il palinsesto di eventi culturali, musicali e artistici che contribuiranno a rendere speciale questa settantesima edizione. Dall’inaugurazione della mostra “Luci sulla città, scenari urbani nei dipinti di Gianni Maimeri e di altri maestri tra Otto e Novecento” alla riscoperta dell’affresco di Rino Ferrari, “L’assunzione di Maria”, nella Chiesa dell’Aguzzano. Significativa, per gli orceani e non solo, la presentazione del libro “Orzinuovi, 70 di Fiera 1948-2018”, realizzato per ripercorrere le tappe del traguardo raggiunto.

Sul lato teatrale, si propongono la lettura scenica “Signore Signore ti dono il mio dolore” dedicata sull’Ostensione della Sindone avvenuta nel 1536 a Orzinuovi e il musical “Shake”. Da segnalare, infine, le proiezioni del film “Bestie da Macello” dell’orceano Mario Bonetti e, dal punto di vista musicale, i concerti di Dellino Farmer – Daniele Gozzetti, Banda Faber e Fanfara dei Bersaglieri, l’Anteprima del Festival dell’Opera, la rassegna dei canti popolari e le esibizioni della banda civica e di altri gruppi orceani.

A salutare la “full immersion” orceana, nella serata finale, il tradizionale e molto atteso spettacolo pirotecnico. Il programma, gli espositori e i dettagli della 70^ Fiera Regionale di Orzinuovi sono consultabili su www.nuovaorceania.it

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *