“Il nostro racconto nasce allora per indagare le relazioni personali intrecciate dalla regina con alcune figure femminili, relazioni che, se osservate tra le pieghe, ricostruiscono la storia non lineare, dunque non propriamente biografica, di Sua Maestà in veste di figlia, sorella, madre, nonna, suocera, amica. Un racconto dettagliato di ruoli utili a comprendere il suo carattere, il suo comportamento, i suoi sentimenti e il suo pensiero.”

La conosciamo tutti. Ma la conosciamo davvero? Il suo marchio è su piatti, tazze, teiere, capi d’abbigliamento, macaron e perfino bottiglie di gin. I francobolli con la sua effigie sono gli unici a non aver bisogno del paese d’origine stampato sopra.

Il suo stile, borsetta al gomito e completi pastello, l’ha resa un’icona globale. Ogni suo gesto, sguardo o movimento è osservato, studiato, analizzato.

Moltissimi hanno provato a esplorarne la vita intima e la personalità, ma la regina d’Inghilterra, dopo quasi settant’anni di regno e a novantacinque di età, continua a rivelarsi un mistero per chiunque si sforzi di leggerla.

E tuttavia per qualcuno è stata anche figlia, sorella e madre; per qualcuno è stata “Lilibet”, “Top Lady”, “Ma’am”, oppure solo Cabbage, “cavolo”, come la chiama affettuosamente il principe Filippo. Forse, allora, il modo migliore per conoscerla non è guardare direttamente a lei, ma alle relazioni e agli eventi che l’hanno resa la donna che è.

Forse, per capire chi è davvero Elisabetta, non serve concentrarsi sulla sua storia, ma prestare orecchio a quelle di chi, in vesti diverse, l’ha accompagnata per un tratto di strada.

È quello che Eva Grippa, giornalista e royal watcher, fa in questo libro, tratteggiando dieci ritratti di donne che hanno avuto una parte in una delle più complesse, e più affascinanti, vite private del nostro tempo.

Fra cavalli e corgi, brughiere scozzesi e palazzi ricchissimi, serie tv, documentari, scandali su isole tropicali e tabloid, amori infelici e tradimenti, chilometri di seta e pettegolezzi piccanti, davanti agli occhi ci si srotolano dieci vite intime, dieci racconti che ci aiuteranno, alla fine, a comporre di lei un unico ritratto, da quando era bambina a oggi, in veste di suocera e bisnonna. Una galleria di volti femminili, una storia del costume, un libro che racconta la monarchia specchiandola negli occhi dei suoi protagonisti, ma anche la storia di un innamoramento: quello del mondo intero per lei, l’unica: Elisabetta II, the Queen.

Elisabetta e…
Marion Crawford, la nanny dimenticata
Elizabeth Bowes-Lyon, l’indomabile Queen Mother
La sorella Margaret, principessa senza favola
Wallis Simpson, la donna dello scandalo
La principessa Anna, unica figlia femmina
Lady Diana Spencer, regina di cuori
Sarah Ferguson, la Bridget Jones della royal family
Camilla Parker Bowles, nuora su ricatto
Kate Middleton, la Queen to be
Meghan Markle, la duchessa americana

Eva GRIPPA è giornalista di Repubblica dal 2004, e royal watcher per passione prima ancora che per professione.

Nasce e studia a Roma, ma dopo un dottorato in Giornalismo si trasferisce nella redazione di Milano, città dove vive ancora oggi in una casa all’inglese idealmente affacciata su Buckingham Palace, con un marito mezzo londinese e due bambini avvezzi a condividere l’attenzione della madre con George, Charlotte, Louis e Archie.

Dal 2017 accompagna il lavoro per Repubblica.it alle cronache “reali” e crea un profilo Instagram, @royalbaby.it, che ha oggi oltre diecimila follower. Elisabetta e le altre è il suo primo libro “divertente” dopo tante pubblicazioni destinate all’università.