Brescia. In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, Brescia dedica due settimane ad eventi, incontri, feste e convegni per parlare di progetti. Due settimane di impegno siglato da tante associazioni, da Medici Senza Frontiere a Pax Christi, dalla Croce rossa alla SPRAR, la CGIL e tante altre forme di volontariato che direttamente o indirettamente hanno a cuore la tragedia che si sta consumando sotto i nostri occhi.

Il 20 giugno si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato, appuntamento annuale voluto dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che da oltre dieci anni ha come obiettivo la sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulla condizione, spesso sconosciuta ai più, di questa particolare categoria di migranti.

Con la Giornata Mondiale del Rifugiato l’UNHCR vuole invitare il pubblico ad una riflessione sui milioni di rifugiati e richiedenti asilo che, costretti a fuggire da guerre e violenze, lasciano i propri affetti, la propria casa e tutto ciò che un tempo era parte della loro vita. E soprattutto non dimenticare mai che dietro ognuno di loro c’è una storia che merita di essere ascoltata. Storie di sofferenze, di umiliazioni ma anche storie di chi vuole ricominciare a ricostruire il proprio futuro.rifugiati

Il programma:

sabato 11 giugno auditorium di Santa Barnaba in corso Magenta 44 a Brescia ore 10.00 “In transito: migrazioni forzate tra accoglienza ed esclusione” , convegno.
Dalle ore 15.30 alle 19.00 presso Debo Sartoria in C.so Martiri della Libertà 41- Brescia: “Mettiti nei miei panni” un sarto nuovo per una camicia nuova, camicie su misura a cura di sarti richiedenti asilo

Martedì 14 giugno Municipio via Roma a Roncadelle alle ore 20, 30 “progetto di Accoglienza”, presentazione del progetto.

Domenica 19 giugno dalle ore 16.00 Festa del Rifugiato in Piazza Europa a Passirano

Lunedì 20 giugno Piani di Rest, Valvestino, ore 20.30 Il diritto d’asilo Sesta luna di Attraversare la notte riflessione, a seguire camminata e pedalata, per iscrizioni presso ACLI Bresciane

Martedì 21 giugno ore 20,30 convegno alla parrocchia Santa Maria in Silva, Via Sardegna, 24 a Brescia: “Muri e filo spinato in Europa, da Idomeni alle nuove rotte”, modera don Fabio Corazzina.

Intervengono:

Racconto della Balkan Route

Livio Senigalliesi,  fotografo

Presentazione del Comitato Articolo10, Martina Simeone Comitato Articolo 10

Mar Mediterraneo. Non restiamo a guardare, Giorgio Contessi Medici Senza Frontiere, responsabile comunicazione per le attività di ricerca e soccorso in mare

Attività Ufficio Ricerche – RFL Restoring Family Links CRI Cristina Quarenghi della Croce Rossa Italiana

 Lunedì 27 giugno parrocchia piazza San Giorgio a Cellatica alle ore 18.30 “Balkan Route” aperitivo con Livio Senigalliesi.

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.