Tempo di lettura: 1 minuto

Ferrara. È dedicato alla figura di Robert Schumann, geniale compositore, letterato e critico musicale, e a sua moglie Clara, figura di spicco nell’Europa romantica e pianista di fama internazionale, il concerto/lettura in scena sabato 10 marzo, alle ore 21, al Ferrara Off.

La serata, nata dalla collaborazione tra Ferrara Off e progetto LAUTER, ha l’intento di ricreare le atmosfere dei salotti culturali ottocenteschi, dove intellettuali e artisti dell’epoca si riunivano per parlare dell’arte, in ogni sua forma. Grazie al partner tecnico ppIANISSIMO, la sala teatrale di Ferrara Off si trasformerà in una sala da concerto per la musica da camera, facendo di un unico spazio il perfetto incontro tra musica e poesia.

Il repertorio musicale, curato da progetto LAUTER, sarà eseguito da Elisabeth Brauß al pianoforte e dal ferrarese Nicola Bruzzo al violino, mentre le letture, selezionate da Monica Pavani, saranno a cura di Ferrara Off.

“LAUTER” significa più fortepiù sonoro in tedesco e descrive la nostra intenzione di rendere la musica classica più vicina a un pubblico giovane e nuovo. Oggi LAUTER è un progetto internazionale con base in Italia guidato da un gruppo di importanti musicisti provenienti da tutto il mondo.

Inoltre domenica 11 marzo, alle ore 18, penultimo appuntamento con ‘Mondovisioni – i documentari di Internazionale’: “Free lunch society” di Christian Tod affronta per la prima volta la questione del reddito di cittadinanza, tema al centro di discussioni politiche e scientifiche degli ultimi anni.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *