Tempo di lettura: 3 minuti

Ferrara. Un week end da non perdere nella città estense, ritorna il 13 e 14 ottobre Ferrara Monumenti Aperti, e come ciceroni i ragazzi delle scuole. La manifestazione, patrocinata dal Comune di Ferrara, organizzata dall’Associazione Culturale Ferrara Off in collaborazione con Fondazione Ferrara Arte,  coordinata dalla ONLUS cagliaritana Imago MundiDopo il focus sul Seicento ferrarese della prima edizione, quest’anno la manifestazione sarà dedicata al Novecento cittadino. Un “taglio” di particolare fascino che attraversa la storia recente della città con l’ausilio, tra gli altri, del cinema, della letteratura e dell’architettura in un dialogo costante tra cultura materiale e immateriale, come indicato dalle linee guida dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale e come accolto dal tema generale dell’edizione 2018 della manifestazione Cultura Patrimonio Comune.

Il programma previsto approfondirà l’evoluzione e la nascita delle correnti artistiche e architettoniche del secolo scorso, come espressione visiva degli avvenimenti che lo hanno caratterizzato, oltre ad alcuni edifici che sono stati fondamentali o che hanno raccolto l’eredità di figure culturali ferraresi di spicco come Giorgio Bassani e Michelangelo Antonioni.

La voce di giovani e giovanissimi studenti delle scuole ferraresi guiderà il pubblico in un percorso inedito la cui tematica è fortemente voluta dal Comune di Ferrara, che è partner di un progetto europeo e membro dell’Associazione Atrium, il cui obiettivo centrale è la valorizzazione, dal punto di vista turistico, del patrimonio architettonico e culturale del Novecento

Il percorso si snoderà tra la Residenza Municipale, la Sala Arengo, la Sala Estense, il Castello Estense, il Museo della Cattedrale, il quadrivio di Savonuzzi con il Conservatorio “G. Frescobaldi”, Il Museo di Storia Naturale, la Scuola “Alda Costa” e la Sala Boldini, l’Ex Mof, l’Acquedotto Monumentale, Palazzo Savonuzzi, il MEIS, il Museo della Risorgimento e della Resistenza e l’apertura straordinaria del Palazzo dell’Aeronautica, di quello delle Poste Centrali, di Casa Minerbi, della Cella del Tasso.

I monumenti saranno aperti e visitabili gratuitamente e verranno “narrati” al pubblico attraverso visite animate condotte dagli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado. Sarà inoltre allestito un info point in Piazza Trento Trieste.L’evento prevede un articolato percorso formativo, iniziato nelle scuole già prima della fine dello scorso anno scolastico e ripreso con l’apertura del nuovo anno scolastico, che ha per protagonisti circa 1300 alunni.

Il percorso è guidato dallo scrittore Luigi Dal Cin, che per il primo ciclo della scuola elementare ha avviato un lavoro sull’immaginario che scaturisce dalla ricchezza di uno sguardo non omologato, i cui elaborati finali saranno esposti alle Grotte del Boldini nelle due giornate della manifestazione. Per le classi dei più grandi ha offerto spunti e suggerimenti di narrazione alle giovani guide. A loro volta, i laboratori dell’Associazione Ferrara Off hanno offerto a docenti e ragazzi strumenti teatrali per mettersi in gioco davanti al pubblico.

La manifestazione è stata ideata più di vent’anni fa in Sardegna per costituire uno stimolo alla tutela e valorizzazione dei beni culturali e ambientali e come occasione di comune impegno tra associazioni, scuole, enti pubblici e privati e istituzioni. Quest’anno, Monumenti Aperti, è stato insignito del premio dell’Unione Europea per il Patrimonio Culturale ‘Europa Nostra Award 2018’.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *