Tempo di lettura: 2 minuti

Parco Oglio Nord – Torre Pallavicina, Bergamo. Il miglior modo per avvicinarsi ad un festival come Odissea, che già dal nome rievoca viaggi ignoti e struggenti, è essere partecipi con corpo e mente di un viaggio, accompagnati da un “Odiesseo” dei tempi nostri: Silvano Agosti, che si definisce “uno spacciatore di vita”.L’occasione imperdibile è in programma per domenica 26 maggio alle ore 16 al Parco Oglio Nord , con “A passeggio con Socrate” racconti in cammino con Silvano Agosti, regista, sceneggiatore, poeta e libero pensatore. Un incontro con una delle personalità più affascinanti e carismatiche del nostro tempo.

Si cammina fra i boschi, si sosta, si ascolta, ci si interroga. Chi conosce quest’uomo non ha bisogno di presentazioni. Per tutti gli altri, ci troviamo di fronte ad un genio, un poeta, un maestro di vita di quelli che non si trovano facilmente in giro. Silvano Agosti oltre che regista, sceneggiatore, scrittore, filosofo, poeta e saggista, è un uomo che ha voluto vivere le proprie opere cinematografiche a tutto tondo in prima persona, nella convinzione che un cineasta debba supervisionare tutti gli aspetti della creazione.Autore di opere originalissime, attraverso le quali ha cercato di raccontare orrori e meraviglie della natura umana. I suoi libri più conosciuti sono “Lettere dalla Kirghisia”, “Il ritorno di Pinocchio”, “Il Genocidio invisibile”. Candidato al Leone d’oro, Gran Premio della Giuria, Premio per la miglior sceneggiatura. Da anni dirige il Cinema Azzurro Scipioni di Roma e il Piccolo Cinema Paradiso di Brescia. Punti di riferimento per gli amanti del cinema d’autore del passato del presente.

Alla fine del 2008 ha scritto al Ministero dei Beni Culturali chiedendo di proclamare ufficialmente gli esseri umani patrimonio dell’Umanità. In caso di maltempo l’incontro si terrà presso la Sala Macine adiacente al luogo di ritrovo.Il set per seguire il racconto di un filoso, uno spacciatore di vita come Silvano Agosti, è la terra bagnata del fiume, nel cuore del parco, dove il fiume Oglio, che domina il paesaggio della pianura bresciana, nella Bassa prende a vagare fra i campi gelosamente custoditi e coltivati. Immobilizza i simboli della collaborazione fra gente laboriosa e acqua generosa, forma ampi meandri ombrati da boschi verdissimi, nasconde atmosfere fatate o si impaluda in lanche morte dove galleggiano i fiori delle ninfee. Raccoglie nello scorrere lento  e pacato, fra le sue anse, il carattere della pianura, nell’imperturbabile gorgogliare delle acque racconta la storia di questa terra, un liquido libro di storia che ripercorre le vicende delle genti e del paesaggio della Bassa.

Il programma:
ritrovo: Casa del Parco Oglio Nord, via Madonna di Loreto – Torre Pallavicina (BG)
Quota di partecipazione € 5. Gratuito per bambini e ragazzi fino ai 17 anni.
Info e iscrizioni: Piccolo Parallelo mobil 338 4716643  – info@piccoloparallelo.net

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *