Pescarolo ed Uniti (Cremona) – Sul retro del cimitero vecchio di Pescarolo è da alcuni giorni in funzione il quinto pozzo, realizzato a servizio del vicino impianto di potabilizzazione. Committente: Padania Acque.

Il lavoro rientrava, come II° lotto, in un programma approvato dall’ATO e che comprendeva la terebrazione di pozzi anche nei comuni di Casalbuttano e San Daniele Po. Costo complessivo dell’opera euro è di 1.100.000 euro, dei quali 681.529 per il lavoro dei pozzi. Il tutto è stato finanziato con oneri tariffari. Per Padania Acque, progettista e coordinatore della sicurezza in fase di progettazione è stato l’Ing.Fabio Guercilena. Mentre coordinatrice della sicurezza in fase di esecuzione e Direzione lavori è stata l’Ing. Laura Pezzoni di Geolombarda Impresa. Esecutrice dei lavori, la Adriacos di Latisana (Udine) e subappaltatori la Insectosond di Genova.

Ricordiamo che l’impianto di potabilizzazione, realizzato a Pescarolo sul retro della palestra, serve oltre Pescarolo e Pieve Terzagni, anche i comuni di Vescovato, Cicognolo e Pessina Cremonese. Svolgono ancora la loro funzione i serbatoi pensili di Vescovato, Cicognolo e Pescarolo, dove, nell’impianto di potabilizzazione, si trovano anche due vasche di stoccaggio e nei pressi del quale si trovano anche tre dei cinque pozzi, gli altri due sono invece nei pressi del serbatoio pensile in vicolo Boldori, comunemente chiamato “Dusaiol”. Il nuovo pozzo preleva dai 20 ai 30 litri al secondo, da una profondità di 200 metri.