Tempo di lettura: 3 minuti

Pescarolo ed Uniti (Cremona) – Un breve consuntivo delle giornate relative alla ricorrenza del Patrono di Pescarolo, Sant’Andrea, è doveroso farlo. Il clima tutto sommato è stato favorevole, giornate fredde, cielo coperto, ma nulla che abbia rovinato la festa, degnamente festeggiata.

Dopo avere partecipato nel pomeriggio di sabato 1 dicembre all’inaugurazione della mostra realizzata presso il Museo del Lino, la giornata centrale della ricorrenza è stata domenica 2, iniziata, per gli addetti ai lavori, molto prima dell’orario ufficiale delle 10. Tra loro, oltre alla Dottoressa Del Ninno, il restauratore dei pezzi esposti, Giordano Mario, e la prima volontaria Silla (ufficialmente addetta alla Biblioteca), che ha lasciato come sempre traccia del suo buongusto nell’arredo, sia esterno che interno, con numerose girandole, con le quali tutti da bambini abbiamo giocato.

All’ingresso della Biblioteca, a sinistra, grande evidenza di “Fare legami”, un importante iniziativa che l’Amministrazione Comunale sta seguendo con interesse. Al primo piano, sul pianerottolo, oltre ad alcuni giochi, importanti particolari della scuola di un tempo, poi dal corridoio si accede alle stanze dei ricordi. Al centro del corridoio, un piccolo tavolo e una scatola con l’invito ad aiutare a sostenere concretamente l’iniziativa.

All’orario stabilito sono il Sindaco Cominetti e la Dottoressa Del Ninno a tagliare contemporaneamente il nastro tricolore e aprire così ufficialmente l’accesso al pubblico all’esposizione permanente. L’iniziativa è stata fortemente voluta dalla Dottoressa Del Ninno che ha anche anticipato i soldi necessari, unitamente agli sponsor, e in merito è giusto evidenziare due importanti avvisi che si trovano sui due lati dell’accesso alla seconda stanza e riguardanti rispettivamente gli sponsor e coloro che hanno contribuito alla raccolta con la concessione dei loro preziosi giocattoli.

Logicamente per saperne di più è necessario seguire la Dottoressa Del Ninno, essendo la più documentata su ognuno dei pezzi esposti, ma a questo punto sarebbe necessario un tempo che oggi non abbiamo, anche per la presenza di tanta gente, tra cui tante sue conoscenze e personaggi autorevoli ai quali giustamente, la Dottoressa riserva particolare attenzione.

Così lasciamo la mostra e, dopo una breve visita per un saluto ai volontari addetti alla mostra fotografica, andiamo alla sede AVIS di via Ruggeri. All’ingresso sono esposti su due pannelli i disegni realizzati dai bambini delle classi quinte delle scuole primarie di Grontardo e Pescarolo che nell’anno scolastico 2016/2017 hanno partecipato alla borsa di studio sul tema “’amico sangue”.

Avviandoci poi verso casa, passiamo dalla piazza dove i volontari stanno preparando il gazebo per le iniziative del pomeriggio che abbiamo modo di verificare più tardi, nonostante il freddo, volontari e pubblico resistono attirati, unitamente ai bambini che vogliono depositare le letterine per S.Lucia sull’apposito carretto, da caldarroste, formaggi e vin brulè.

Dopo una visita all’Oratorio per il mercatino di Natale, unitamente ai complimenti alle giovani che si sono messe a disposizione, la giornata si chiude in sala Camozzi, presso Cassa Padana, in occasione della quarta (le altre si erano svolte al Monteverdi a Cremona, e negli Oratori di Vescovato e Binanuova) rappresentazione de “la soffitta” e chiusa dopo tanti applausi e gli auguri a Ivan, componente della compagnia “sesto senso”, con un rinfresco.

Così passa in archivio anche la sagra 2018 con un risultato soddisfacente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *