Tempo di lettura: 2 minuti

Leno (Brescia) – Una settimana di appuntamenti per dialogare con gli autori e confrontarsi con storie e avvenimenti che ne hanno segnato la vita.

E’ il percorso “A testa alta. Incontri con vite coraggiose”, promosso dalla Fondazione Dominato Leonense dall’Associazione Culturale CaraMella e Biblioteca Richeriana di Villa Badia, per dar spazio a racconti di viaggio, storie che arrivano dal passato e di chi, nonostante le difficoltà, è riuscito a rialzarsi e diventare più forte di prima.

Filo rosso che accomuna i protagonisti di tutti gli appuntamenti il coraggio, quello che emerge dal vissuto dei protagonisti, con le tante emozioni e i sentimenti travolgenti.

Il primo appuntamento è lunedì 2 marzo,, con il magistrato Piercamillo Davigo. Giudice della Corte di Cassazione, è conosciuto in tutta Italia per aver fatto parte, nei primi anni Novanta, del pool “Mani Pulite”, insieme a personaggi come Antonio Di Pietro, Ilda Boccassini e Gherardo Colombo. Durante l’incontro, Piercamillo Davigo riaprirà la riflessione sulla grave crisi di efficienza e di efficacia che affligge gli apparati giudiziari italiani. Il magistrato toccherà, poi, temi delicati e di grande attualità, come le gravi emergenze del terrorismo, il crimine organizzato, i reati economici e la corruzione che tormenta il sistema italiano.

Giovedì 5 marzo l’Istituto Superiore “V.Capirola” di Leno ospita lo scrittore Fabio Geda. L’autore piemontese di “Nel mare ci sono i coccodrilli” e “L’estate alla fine del secolo” presenterà agli studenti il suo ultimo libro “Se la vita che salvi è la tua”. Un viaggio che lo trascina ai margini della società e che regalerà al protagonista incontri memorabili.

Venerdì 6 Marzo l’incontro con la scrittrice bresciana Rosi Polimeni, che venerdì 6 marzo presenterà il suo ultimo lavoro “Le strade del mare”. Un romanzo avvincente sulla storia di tre donne, Cesarina, Erminia e Cosima, rispettivamente nonna, figlia e nipote in una saga familiare tutta al femminile.

Al termine dell’incontro sarà presentata la nuova produzione, strettamente intrecciata al romanzo della Polimeni, del Teatro Caramella, “Le strade del mare”, un lavoro che parla di diversità; di incontri e scontri fra generazioni, della ricerca di libertà e di riscatto di chi è lontano dalla terra natia. Una vicenda che attraversa un lungo periodo storico e incrocia la storia delle donne nel corso di un secolo segnato dalle rotte migranti tra la Sicilia e il Brasile. La regia è di Fabio Tedoldi; interpreta Monica Gilardetti.

In occasione della Festa della donna, domenica 8 marzo alle ore 20.30 protagonista il coraggio femminile con l’autrice bresciana Maria Rosaria di Domenico, originaria di Capriano del Colle, che presenterà “Elektra. Dieci storie di donne”, un meraviglioso ed emozionante viaggio nell’universo femminile.

CONDIVIDI
Laura Simoncelli
Dopo il diploma di liceo scientifico, si laurea all’Univeristà Cattolica di Brescia nel 2004 in Lettere e Filosofia. Collabora con Fondazione Civiltà Bresciana e Bresciaoggi con stesura di articoli sportivi, cronaca e tempo libero. Dal 2004 al 2017 fa parte della redazione di popolis. E’ docente di italiano e storia presso le scuole medie e superiori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *