Nella 14ª giornata di andata del campionato di serie A2 femminile cade a sorpresa la capolista Multimedica Geas Sesto San Giovanni (Barberis 9 punti e 14 rimbalzi) cedendo in terra veneta nel match clou di giornata sul campo della vice capolista Ecodent Alpo Villafranca (Mancinelli 12) che grazie a questo successo si porta a soli 2 punti dalla vetta, ancora occupata dalla compagine sestese.

Nella penultima giornata già definite inoltre le partecipanti alla final 8 di Coppa Italia in programma a fine febbraio con sede ancora da stabilire. Insieme alla squadra milanese dominatrice di questo girone troviamo anche le campionesse uscenti della B&P Autoricambi Costa Masnaga, l’Ecodent Alpo Villafranca e la Velcofin Vicenza, con quest’ultima che ha estromesso la Tec-Mar Crema avendo vinto lo scontro diretto in terra cremasca; ma torniamo al campionato.

Detto della vittoria della compagine scaligera nello scontro al vertice, da segnalare la vittoria della compagine lecchese (Baldelli 21) che si è aggiudicato l’altro scontro diretto superando in casa la Tec-Mar Crema (Nori 19), mentre la Velcofin Vicenza (Brcaninovic 23 punti e 17 rimbalzi) stacca il pass regolando in casa nel derby veneto l’altalenante Giants Marghera (Toffolo 17) e precede la compagine cremasca ferma a quota 18 punti.

Appena sotto la compagine cremasca troviamo la coppia composta da Delser Udine ed Ecoprogram Castelnuovo Scrivia; le friulane (Blazevic 17 punti e 12 rimbalzi) si impongono nel derby contro la pericolante G&G International Pordenone (Togliani 21), mentre le piemontesi (Madonna 17) battono a fatica in trasferta il fanalino di coda Fanola San Martino di Lupari (Keys 16). Appena sotto troviamo le milanesi de Il Ponte Casa d’Aste San Gabriele Milano (Pozzecco e Novati 12) che si aggiudicano il derby lombardo contro la Fassi Gru Albino (Bonvecchio e Silva 12) e precedono il San Salvatore Selargius (Rondinelli 14) che si impone nettamente in casa contro il Cus Cagliari (Caldaro 14).

Nella zona calda della classifica come detto nulla da fare per il Giants Marghera sconfitto sul campo della Velcofin Vicenza, mentre torna al successo Il Carosello Carugate (Albano 23) che si impone nel delicato scontro salvezza sul campo dell’Itas Alperia Bolzano (Matic 16 punti e 10 rimbalzi e Fall 16 punti) che rimane ferma a quota 6 punti al pari della Fassi Gru Albino e della G&G International Pordenone e precedono la coppia composta da Fanola San Martino di Lupari e Cus Cagliari che chiudono la classifica con soli 4 punti all’attivo.