Nella 9ª giornata di ritorno del campionato di serie A2 femminile continua il braccio di ferro in testa alla classifica tra Multimedica Geas Sesto San Giovanni e B&P Autoricambi Costa Masnaga.

Le sestesi (Ercoli 14) riscattano il ko interno di 7 giorni prima con Crema e vincono il match clou di giornata contro la Velcofin Vicenza (Stoppa 11), mentre le lecchesi (Rulli 27 punti e 17 rimbalzi) si impongono nettamente in casa contro la pericolante G&G International Pordenone (Smorto 16 punti e 12 rimbalzi).

Alle spalle della coppia milanese-lecchese troviamo l’Ecodent Alpo Villafranca (Ramò 14 punti e 10 rimbalzi) che piega nell’altro match clou di giornata le piemontesi dell’Ecoprogram Castelnuovo Scrivia (Madonna e Ljubenovic 10) che ora sono a soli 2 punti di vantaggio sulla Tecmar Crema (Rizzi 18 punti con 7 su 10 al tiro) che vince senza grossi problemi contro il pericolante Cus Cagliari (Ridolfi e Caldaro 8) e che a sua volta precede le milanesi de Il Ponte Casa d’Aste San Gabriele Milano (Maffenini 20) che supera in casa la pericolante Itas Alperia Bolzano (Cela 11).

Al seguito della compagine milanese troviamo la coppia composta da Delser Udine e Velcofin Vicenza; le friulane (Blazevic 16) superano in casa il pericolante Il Carosello Carugate (Gombac 15), mentre le beriche cedono negli ultimi 10’ in casa della capolista Multimedica Geas Sesto San Giovanni.

Alle spalle della coppia udinese-vicentina troviamo le lagunari del Giants Marghera (Pieropan 24) che di misura si impongono sul non facile campo della Techfind San Salvatore Selargius (Arioli 16) che resta a soli 2 punti dall’8° posto, ultimo utile in chiave playoff.

Nella colonna di destra invece da segnalare l’importante vittoria in chiave salvezza diretta per la Fassi Gru Albino (Bonvecchio 11) che supera tra le mura amiche il fanalino di coda Fanola San Martino di Lupari (Fietta 12) e stacca di 2 punti la Techifind San Salvatore Selargius sconfitta a domicilio da Marghera e mantiene 2 punti di vantaggio sulla coppia G&G International Pordenone ed Itas Alperia Bolzano, mentre appena sotto troviamo la coppia composta da Cus Cagliari ed Il Carosello Carugate sconfitte rispettivamente a Crema ed Udine, che precedono il fanalino di coda Fanola San Martino di Lupari.