Nella 10ª giornata di andata del campionato di serie A2 femminile girone Nord cade l’imbattibilità stagionale della capolista Ecodent Alpo Villafranca. Le scaligere (Zampieri 14) cedono nel match clou di giornata sul campo della Akronos Moncalieri (Katshitshi 17) che grazie a questo successo aggancia al 2° posto la compagine veronese.

Al comando passa la B&P Autoricambi Costa Masnaga (Rulli e Vente 10) che supera in casa la neopromossa Polyglass Ponzano Veneto (Brotto 15). Alle spalle della compagine lecchese che ha disputato tutte le gare troviamo la coppia piemontese-veneta che viene raggiunta dalla Parking Graf Crema (Nori 11) che nei secondi finali si impone nel derby lombardo sul campo della pericolante Il Ponte Casa d’Aste SanGa Milano (Quaroni 10) e precede l’altra compagine piemontese vale a dire l’Autosped Castelnuovo Scrivia.

Le alessandrine (Corradini 17) vincono a fatica sul campo della Delser Cric Udine (Ianezic 17) e rimangono ferme a quota 10 punti al pari dell’Itas Alperia Bolzano (Mancabelli e Fall 14) che a sorpresa cade sul campo del fanalino di coda Fassi Gru Albino (Iannucci 24) e vengono raggiunte dal Giants Marghera (Pastrello 22) che grazie ad un parziale di 33 a 4 negli ultimi 10’ si impone sull’altro fanalino di coda Scs Varese ’95 (Beretta 9).

Alle spalle di questo terzetto troviamo con una gara da recuperare la Velcofin InterLocks Vicenza (Stoppa 15) che supera le Acciaierie Valbruna Bolzano (Mossong 16), Il Carosello Carugate ed il Fanola San Martino di Lupari che si sono affrontate nello scontro diretto, che ha arriso alla compagine milanese trascinata dai 21 punti di Molnar, mentre per le patavine non sono bastati i 19 punti di Milani.

Appena sotto troviamo la coppia composta da Polyglass Ponzano Veneto ed Il Ponte Casa d’Aste SanGa Milano che a loro volta precedono le Acciaierie Valbruna Bolzano; mentre sul fondo della classifica primo hurrà per la Fassi Gru Albino che supera la quotata Itas Alperia Bolzano ed aggancia a quota 2 punti la Scs Varese ’95 sconfitta a Marghera dal Giants.