Tempo di lettura: 3 minuti

Corte Franca, Franciacorta, Brescia. Tutto pronto anche quest’anno nelle colline della Franciacorta per accogliere la nuova edizione di “AbilityChef” domenica 5 maggio, l’evento che promuove una gara culinaria per persone con disabilità, all’insegna della solidarietà, dell’allegria e della sensibilità. Nel corso della serata, oltre alla gara, ci saranno momenti di intrattenimento e creatività.

Cornice della sfida, che avrà inizio alle ore 18:15, sarà il Borgo Antico San Vitale insieme al Ristorante Due Colombe dello chef stellato Stefano Cerveni, che accoglierà i 130 spettatori dell’evento. I protagonisti saranno le otto coppie di concorrenti, due in più rispetto alla scorsa edizione, composte da persone con disabilità e dai loro caregiver, provenienti da tutta Italia: La Spezia, Cremona, Brescia, San Giovanni Rotondo, Verbania, Roma, Como, e tutti appassionati di cucina. Si sfideranno in una gara culinaria in perfetto stile MasterChef, con tanto di mistery box ad attenderli.

L’iniziativa è ideata dall’Associazione di Promozione Sociale Argilla, con il sostegno di Endemol Shine Italy e di MasterChef Italia, che vede coinvolte persone disabili, insieme ai loro accompagnatori, in una sfida culinaria, proprio come nel celebre cooking show televisivo.

AbilityChef, giunto quest’anno alla sua terza edizione, nasce dalla volontà dell’Associazione Argilla di mostrare come, anche attraverso una gara in cucina, si possano far risaltare le abilità delle persone disabili e dei loro caregiver. L’obiettivo principale dell’associazione “Argilla” è quello di diffondere un concetto di abilitazione sociale in cui siano messe in luce le abilità e le capacità possedute dalle persone, favorendo in questo modo la sensibilizzazione alla disabilità, contrastando lo stigma per uscire dall’immobilismo e isolamento in cui le persone con disabilità troppo spesso sono prigioniere. E una serata come AbilityChef è proprio l’occasione per porre l’attenzione su queste tematiche. Per contribuire a rendere speciale la serata, inoltre, sono previsti momenti di intrattenimento musicale, show cooking e degustazioni.

La terza edizione di AbilityChef, potrà contare anche sul supporto di generose aziende locali e nazionali che hanno creduto nel messaggio inclusivo promosso dall’Associazione Argilla e da Endemol Shine Italy.

“AbilityChef è attualmente il fiore all’occhiello delle iniziative dell’associazione Argilla, nata nel 2016 con una forte impronta orientata al fare, ad un fare e agire orientato al sostenere le buone idee e i buoni progetti. – spiega Elena Lucchi, psicologa e Segretaria dell’Associazione Promozione Sociale Argilla, parlando a nome di tutto il direttivo dell’Associazione – Le nostre idee nascono sostenute dalle nostre competenze professionali ed umane con lo scopo di creare le condizioni ideali per far esprimere al meglio le persone con disabilità e le loro famiglie. AbilityChef è un’iniziativa che unisce Persone (con la loro motivazione e passione), Competenze (abilità in cucina) e Territorio (ossia l’italia intera con le sue peculiarità culinarie)”.

“Siamo molto contenti di continuare a lavorare assieme all’Associazione Argilla – aggiunge Veronica Ferrari, Commercial Strategy Director di Endemol Shine Italy – Ormai sono tre anni che lavoriamo con l’associazione ed ogni anno alziamo l’asticella degli obiettivi rispetto l’anno precedente… ma ci viene facile avendo idee ed obiettivi buoni e lodevoli. Quando si inizia a progettare progetti come AbilityChef, la differenza sta tra il dire e poi concretizzare davvero. E Argilla ci è riuscita. Trovo che la loro associazione sia stata molto creativa pur tenendo sempre al centro il fine di questo evento e cioè quello di fare di questo giorno, un momento speciale per tutte le persone disabili che vi partecipano”.

Non ci resta che preparare i materiali e accendere i fornelli, augurando buon AbilityChef a tutti.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *