Ebbene sì, dieci anni passati in un lampo.
L’Accademia del Gamber cresce, diventa matura, muove passi sempre più sicuri.

Nasce nel 2007 per volontà di un gruppo di appassionati d’arte con la voglia di condividere il proprio entusiasmo con quante più persone possibile. L’obiettivo è di promuovere l’arte, la pittura in primo luogo ma non solo: tutta l’arte nelle sue varie e sfaccettate forme.

Gli artisti dell’Accademia portano avanti un progetto di ricerca di emozioni e sensazioni, alla scoperta del piacere che la libera espressione e il colore infondono nell’animo di chi sa lasciarsi andare senza timore, di chi accetta di farsi guardare senza nascondersi. È un progetto di benessere importante che porta ad aprirsi verso l’esterno, ad acquisire consapevolezza di sé, a sapersi confrontare, a superare le paure che ognuno di noi si porta appresso.

L’Accademia è in continua crescita ed evoluzione, mossa dall’entusiasmo e dalla passione degli associati.

Negli anni si susseguono numerosi progetti che portano gli artisti ad esporre in locations diverse e suggestive. Particolarmente importante è la collaborazione con la Fondazione Dominato Leonense che porta, in diverse circostanze, gli allievi nella meravigliosa villa Badia a Leno. Mentre ogni anno regala grandi emozioni partecipare alla festa della Madonna della Neve esponendo nel parco del castello dei Conti a Gambara. Poi Banca Etica, il Civico corpo Bandistico G. Verdi di Gambara, enti pubblici e  privati.

Anni ricchi di collaborazioni con altre associazioni, consapevoli di quanto sia importante condividere esperienze comuni ed aprirsi a nuove avventure fino a superare quelli che sembravano limiti invalicabili. L’estate scorsa abbiamo visto i nostri quadri prendere vita, superare la bidimensionalità, alzarsi ed occupare tutto lo spazio davanti a noi. Da soli non avremmo potuto farlo, ma con l’aiuto della scuola ‘Attitude A.S.D’ di Virna Quagliotti,  i nostri quadri hanno potuto danzare, dando vita ad un momento magico in cui la pittura e la danza, arti in apparenza completamente diverse, hanno saputo fondersi e vivere l’una in funzione dell’altra. Ne è uscito un momento magico ed emozionante. Insieme si può.

Siamo in cerca di emozioni e siamo fatti di emozioni

Questa è la componente principale del corso di pittura che l’Accademia organizza anche quest’anno.
La tecnica è importante ma lo è altrettanto, e forse di più, riuscire a fare proprie e a trasmettere emozioni e sensazioni.  A questo punta  l’insegnante Prof. Pieraldo Tellaroli che sprona i propri allievi ad immergersi nella pittura con fiducia, lasciando liberi gli stati d’animo e le percezioni. Il programma del corso lascia ampio margine all’espressione della creatività di ciascuno, ma la sapiente guida del Maestro consente di raggiungere risultati davvero importanti. La tecnica non è il punto di partenza, ma arriva nel perseguire la libera espressione.

Il corso, sostenuto da Cassa Padana BCC, inizia lunedì 10 ottobre con le ormai consuete 3 sezioni fra cui scegliere: lunedì sera dalle 20.30 alle 23.00, mercoledì pomeriggio dalle 17.30 alle 20.00 e venerdì sera dalle 20.30 alle 23.00 nel palazzo Lorenzetti a Gambara, sede dell’Associazione

Le tecniche affrontate nel corso degli anni sono state diverse: olio, acrilico, stucco, disegno a matita, acquerello.

Quest’anno sono previste anche lezioni di Arterapia, come modalità diretta per riversare il proprio io sulla tela.
Nuove grandi esperienze ci attendono, momenti di crescita personale e collettiva per camminare insieme alla ricerca di un benessere pieno, non egoistico ma propositivo ed inclusivo, che sappia arrivare alla collettività, per un arricchimento completo e non individuale.