Tempo di lettura: 2 minuti

Colorno (Parma) – Un ballo a due fra un escavatore e un danzatore, un clown che sa far ridere ma anche commuovere, e poi lanciatori di coltelli, acrobati, giostre, sand art, fanfare e laboratori per piccoli aspiranti circensi.

Torna “Tutti matti per Colorno”, il festival di circo contemporaneo, teatro e musica che da dodici anni anima la cittadina in provincia di Parma. Dal 30 agosto al 1 settembre, per le strade di Colorno si alterneranno un centinaio di spettacoli con artisti di strada, acrobati e clown da tutto il mondo, oltre a un mercato dell’artigianato e piccoli angoli culinari di street food.

Il festival, diretto dalla compagnia di circo contemporaneo Teatro Necessario, che lo organizza insieme al Comune di Colorno con il sostegno di Mibact, Regione Emilia-Romagna e Provincia di Parma, porta in Italia alcuni dei più grandi talenti internazionali di circo contemporaneo.

Tra loro, quest’anno la compagnia Beau Geste, che metterà in scena un’audace spettacolo dal titolo “Transports exceprionnels”: un ballerino si cimenterà in un duetto con un escavatore, ballando e muovendosi a ritmo con l’enorme macchina, in un inaspettato incontro tra ferro e corpo, il tutto su alcuni brani operistici interpretati da Maria Callas. Lo spettacolo, che ha girato tutto il mondo, è stato replicato più di 700 volte in Francia e all’estero in quasi 50 paesi.

Aggirandosi tra i vicoli e le strade di Colorno, ci si potrà imbattere anche nella buffa faccia del clown Leandre, arrivato direttamente dalla Catalogna, uno dei più riusciti esempi di mimo contemporaneo.

In “Rien à dire”, l’artista conduce gli spettatori all’interno di una casa senza muri, fatta solo con quattro mobili e una porta, uno spazio dell’assurdo dove il personaggio si trova circondato da presenze che fanno volare calzini, piovere ombrelli, suonare pianoforti… Uno spettacolo divertente, che dietro la risata nasconde però anche una grande poesia e tenerezza.

Infine, dalla Francia arrivano due compagnie di acrobati di fama internazionale: il Cirque la Compagnie, con i suoi quattro acrobati pluripremiati che, in “L’avis bidon”, prenderanno d’assalto la scena con corografie con il quadro coreano, il palo cinese e il lancio di coltelli; e la compagnia A Sens Unique, al suo esordio, che in “Léger démêlé” mette insieme acrobazie, corde, prese estreme e molta suspance.  .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *