Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. Si è spenta una delle voci più alte e autorevoli della cultura bresciana, don Antonio Fappani.È mancato un grande uomo di fede e uno tra i più importanti animatori della vita culturale cittadina”, ha affermato il sindaco di Brescia Emilio Del Bono.

“Monsignor Fappani, o meglio don Antonio, come preferiva essere chiamato con quella schiva umiltà tutta bresciana che lo ha sempre contraddistinto, ha dedicato una vita intera alla cura pastorale e alla ricerca storica. Il suo talento e il suo profondo bisogno di conoscere e di condividere il sapere con gli altri hanno regalato ai bresciani oltre seicento pubblicazioni, opere indispensabili per comprendere il nostro territorio e la sua storia.

I ventidue volumi dell’Enciclopedia Bresciana, ai quali monsignor Fappani lavorò per oltre un trentennio con estremo rigore scientifico, rappresentano una preziosissima ‘summa’ dell’identità locale, un’opera monumentale grazie alla quale è possibile calarsi nel cuore della brescianità.

Ed è sempre per merito della sua grande risolutezza che ha visto la luce la Fondazione Civiltà Bresciana, importante incubatore di idee e iniziative al servizio della nostra città. Nel corso della sua lunga e prolifica vita don Antonio non ha mai smesso, fino all’ultimo istante, di mettere a frutto i suoi talenti.

Laureato in Sacra Teologia con indirizzo storico, pastore di anime a Borgo Poncarale, direttore del settimanale diocesano ‘La Voce del Popolo’, monsignor Fappani è stato uno studioso dai mille interessi ma non per questo pedante o aristocratico.

Dalle origini contadine ha infatti tratto la linfa vitale che lo ha sempre legato, con sentimento profondo e sincero, alla terra bresciana. Una cultura, la sua, ricca di umanesimo aperto ai bisogni e alle necessità di tutti: dai più raffinati uomini di cultura alle persone più semplici. Per questo la sua scomparsa è una grave perdita per la nostra città che ora lo piange”.

“Un’immagine resta impressa nella mia memoria e in quella di tanti bresciani”, ha ricordato la vicesindaco e assessore alla Cultura Laura Castelletti. “Quella di Don Antonio che, con il basco in testa e la tonaca, si spostava per le vie del centro storico a cavallo della sua inseparabile bicicletta.

Una figura, la sua, di uomo di cultura dai tratti gentili, tanto affabile e bonario quanto rigoroso e instancabile nella ricerca e nello studio. Conciliare umanità e sapere non è da tutti: occorre avere un animo profondo e un forte desiderio di conoscere. Qualità che monsignor Fappani possedeva in abbondanza.

I frutti più preziosi del suo lavoro di ricercatore, l’Enciclopedia Bresciana e la Fondazione Civiltà Bresciana, restano un grande dono per tutti noi. La sua brillante intelligenza, la sua infaticabile disponibilità, oltre al suo straordinario talento, ci mancheranno molto”.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *