Tempo di lettura: 4 minuti

Nella 5ª giornata del girone A1 ritorno alla vittoria per la Sintostamp Tazio Magni Gussola (Marenzi 19) che riscatta il ko del turno precedente e passa solo nei secondi finali sul campo della neopromossa Pitra Trenzano (Picuno 20). Alle spalle della formazione casalasca troviamo la coppia composta da River Orzinuovi e Ferraboli Prevalle; gli orceani (Mombelli 17) vincono con qualche difficoltà tra le mura amiche contro il fanalino di coda Sustinente, mentre i valsabbini hanno osservato il turno di riposo. Appena sotto troviamo la coppia bresciana composta da Pentavac Chiari e la citata Pitra Trenzano, con i clarensi (Pesenti 19) che si impongono abbastanza agevolmente sul campo del fanalino di coda Padernese, mentre i bassaioli cedono in un finale burrascoso tra le mura amiche contro la capolista Sintostamp Tazio Magni Gussola. A chiudere la classifica con nessuna vittoria all’attivo la coppia Sustinente e Padernese che mercoledì 10 novembre recupereranno il match rinviato la settimana scorsa a causa dell’indisponibilità dell’impianto mantovano.

Trenzano (BS) – Pronto riscatto della Sintostamp Tazio Magni Gussola che in terra bresciana si impone in un finale burrascoso contro i neopromossi del Pitra Trenzano con il punteggio finale di 63 a 67, e si riprende la testa della classifica grazie al turno di riposo di Prevalle, prossimo avversario di Bodini e compagni. L’inizio è sostanzialmente equilibrato con entrambe le squadre sempre vicine nel punteggio, e che vedono i rossoblu con soli 9 atleti a referto prevalere di misura sul punteggio di 14 a 15. Il copione non cambia nemmeno nella 2^frazione con nessun allungo da ambo le parti, e come già accaduto nel minitempo precedente la Sintostamp va all’intervallo con una sola lunghezza di vantaggio sul punteggio di 30 a 31. Al rientro dagli spogliatoi il copione resta lo stesso con le 2 squadre sempre vicine; nel finale leggero allungo della Pitra che chiude il 3°periodo con 2 possessi pieni di vantaggio sul risultato di 52 a 46. Nell’ultima frazione la Sintostamp recupera punto su punto anche grazie agli errori dalla lunetta di Cartapani che realizza un solo tiro libero sui 7 a disposizione e a 50” dalla fine è avanti per 62 a 63. Trenzano poco dopo con Drera sbaglia i 2 tiri liberi del possibile sorpasso, sul rimbalzo Cittadini a 34” subisce fallo e sul possesso di palla Picuno viene sanzionato con 2 falli tecnici in rapida successione e viene giustamente espulso. Dalla lunetta la Sintostamp fa 2 su 2 e mette al sicuro il risultato.

PITRA TRENZANO-SINTOSTAMP TAZIO MAGNI GUSSOLA 63-67
PARZIALI: 14-15, 30-31, 52-46
PITRA TRENZANO: Pezzotti, Cittadini 10, Drera 6, Tomasoni 2, Paderno 4, Picuno 20, Nobilini n.e., Farella 8, Cartapani 13, Mazzelli n.e., Patti, Pegoraro. All.: Scaroni.
Usciti per 5 falli: Farella e Picuno; fallo antisportivo a Patti 32′, doppio fallo tecnico con espulsione a Picuno 40′.
SINTOSTAMP TAZIO MAGNI GUSSOLA: Mazza 8, Carboni 3, Zerbini 6, Marenzi 19, Moscatelli 6, Silocchi 7, Petrolini 8, Bodini 5, Sereni 5. All.: Testi.
Nessuno uscito per 5 falli, fallo antisportivo a Silocchi 40′.
ARBITRI: Missaglia di Dalmine (BG) e Fadigati di Cologno al Serio (BG).


Nella 5ª giornata del girone A2 una coppia guida una classifica sostanzialmente corta, Iseo ed Antica Farmacia Treviglio; i sebini (R.Staffiere 11) superano solo nel finale la Ingrocer Mombrini Caravaggio alla quale non sono bastati i 13 punti dei fratelli Marco e Claudio Merisio. Insieme ai lacustri troviamo anche la compagine trevigliese (Stucchi 13) che spazzano via come un tornado i franciacortini del Gussago 2014 (Orlandi 8).

Appena sotto come detto troviamo la Ingrocer Mombrini Caravaggio che a sua volta precede il terzetto composto da Cologno al Serio, Sarezzo e Gussago. Le prime 2 si sono affrontate nello scontro diretto e che alla fine ha visto prevalere di misura la compagine triumplina grazie ai 14 punti di Sandri, mentre per i colognesi non sono bastati i 14 punti di Longobardi; mentre Gussago cede nettamente sul campo della capolista Antica Farmacia Scuola Treviglio. Infine nel delicato scontro salvezza prima gioia stagionale per Offanengo (Bissi 19) che si impone in trasferta sul campo del Sebino Villongo (De Giuseppe e Gavazzeni 17) presentatosi in campo con soli 7 giocatori ed un’altra defezione a gara in corso.

Villongo (BG) – Prima vittoria stagionale per Offanengo che si aggiudica il delicato scontro salvezza contro gli incerottati padroni di casa del Sebino Villongo con il punteggio finale di 53 a 60. La gara vede un primo quarto dominato dagli orobici che trascinati da capitan Gavazzeni sfruttano al meglio le amnesie ospiti che privi degli infortunati Tiramani e Fontana chiudono sul punteggio di 24 a 13. Il copione non cambia nemmeno nella 2ª frazione con Offanengo che perde numerosi palloni, poi al 18′ i padroni di casa presenti sul campo con soli 7 giocatori a referto perdono per infortunio Fiorendi che si procura una frattura al mignolo della mano destra e che lo costringerà ad uscire definitivamente ma nonostante questa defezione mantengono sempre un vantaggio di una decina di lunghezze che gli permette di andare al riposo sul punteggio di 38 a 26.

Al rientro dagli spogliatoi Offanengo cambia marcia; Villongo minuto dopo minuto cede e Sgarbazzini con 6 punti consecutivi suona la carica ed il 3° periodo si chiude con il leggero vantaggio cremasco sul risultato di 42 a 46. Gli ultimi 10 minuti sono all’insegna dell’equilibrio con i padroni di casa che cercano di ribaltare il punteggio, ma Offanengo con Bissi top scorer con 19 punti respinge ogni recupero locale e gestiscono al meglio i palloni decisivi chiudendo sul punteggio finale di 53 a 60.

SEBINO VILLONGO-OFFANENGO 53-60
PARZIALI: 24-13, 38-26, 42-46
SEBINO VILLONGO: Chies 4, Tasso 2, De Giuseppe 17, Radici 7, Gavazzeni 17, Delendati, V.Fiorendi 6. All.: Giorgini.
Nessuno uscito per 5 falli, infortunio a V.Fiorendi 18′ che non è più rientrato.
OFFANENGO: Pisacane 9, Broglia 2, Bissi 19, Fatello 6, Bassini, Gaudioso 2, Spoldi 10, Pedretti, Sgarbazzini 8, Galli 4. All.: Soffiantini.
Nessuno uscito per 5 falli.
ARBITRI: Andreetta di Albuzzano (PV) e Sarhan di Milano.