Tempo di lettura: 1 minuto

Brescia – Da un’elaborazione di Coldiretti Lombardia su dati Camera di Commercio di Milano emerge che le 2.252 su 10.554 aziende agricole guidate da donne (una su cinque, il 21,3% del totale) assegnano alla nostra provincia il record regionale dell’incidenza di imprese rosa sul totale di quelle agricole.

“Si rivela vincente la scommessa tutta femminile sulla multifunzionalità, con lo sviluppo di attività quali le fattorie didattiche e sociali, gli agriturismi, l’agribenessere. – ha spiegato Wilma Pirola, responsabile Donne Impresa di Coldiretti Lombardia – Una scelta che genera più occupazione, perché sviluppa servizi particolari che si affiancano a quelli principali, tipici di un’azienda agricola”.

Le agri manager lombarde del nuovo millennio – secondo la rilevazione della Coldiretti regionale – sono tecnologicamente avanzate: l’80 per cento usa regolarmente un computer nelle attività quotidiane, il 30 per cento ha uno smartphone, il 5 per cento sta sperimentando il tablet, mentre il telefono cellulare è ormai uno strumento di uso comune per tutte.

Il ruolo delle donne si fa sentire anche in agricoltura – dice Ettore Prandini, presidente della Coldiretti Lombardia –. Infatti non si dedicano più esclusivamente alla casa e dei figli, ma tengono anche la contabilità dell’impresa e sempre più spesso sono loro che gestiscono le aziende sotto tutti gli aspetti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *