Tempo di lettura: 3 minuti

Padernello, Brescia. Il Castello ospiterà il 12 e 13 Maggio la prima edizione dell’evento handmade e riciclo Padernello Cose Mai Viste. Protagonisti della due giorni artigiani, designer, giovani stilisti con le loro autoproduzioni ma anche quegli oggetti che hanno già vissuto una o più vite e che sono pronti a viverne altre attraverso l’arte del riciclo. L’evento si svolgerà sabato 12 maggio dalle 14 alle 20 e domenica 13 maggio dalle 10 alle 20 nelle sale, sotto i portici,  nel cortile del castello e nella Cascina Aperta.Abbigliamento, accessori, oggettistica, bijoux, design industriale, mobili e laboratori di idee volte al recupero e all’up-cycling di materiali e oggetti,  convivranno nel Castello di Padernello, maniero del ‘400 che farà scendere il suo ponte levatoio per aprirsi al pubblico.

Il Castello di Padernello celebra così la creatività dell’economia circolare con un evento che stimolerà  la curiosità degli adulti in una delle tappe della serie Verso il Borgo.

La Fondazione Castello di Padernello nel 2016 è entrata a far parte come partner nel progetto “Verso un’economia circolare” finanziato da Fondazione Cariplo che vede come capofila la Fondazione Cogeme Onlus. All’interno di questo progetto la Fondazione Castello di Padernello si è impegnata ad organizzare una mostra/evento a livello nazionale proprio sull’economia circolare che promuove un sistema economico che si rigenera da solo. Vede nei cosiddetti rifiuti una possibilità di riutilizzo o di riciclo, da una parte reimmettendoli nel ciclo della ri-generazione della materia; dall’altra dando nuova vita a oggetti che altrimenti resterebbero inutilizzati.Inoltre, il Banco del Riuso, inaugurato a Rovato, Brescia, il 3 febbraio scorso sempre nell’ambito del progetto Verso un’ Economia Circolare, arriva a Padernello Cose Mai Viste! Con la Fondazione Castello di Padernello il Banco non è luogo economico di vendita, ma punto di scambio. Si basa sul principio della condivisione con una prospettiva di economia sociale di prossimità. Come funziona? Il Banco non vuole soldi: vuole soddisfare la domanda e la richiesta con un sistema di scambio.

Accoglie oggetti, abiti e attrezzature, allungando il ciclo vitale di questi oggetti materiali e riducendo gli sprechi. Ma il Banco accetta anche tempo e competenze. Riduce così l’impatto ambientale legato al consumo e al tempo stesso promuove la socialità, andando a formare una rete umana di scambio e supporto. Offre ai cittadini un servizio nuovo e innovativo, basato sul valore senza tempo che è lo spirito civico di mettersi a servizio della propria comunità. Il Banco del Riuso è un progetto gestito da CAUTO, una rete di cooperative attenta alla qualità, alla persona e all’ambiente.In Castello

Dentro le mura, fra tradizione ed innovazione, maestri artigiani allestiranno postazioni per la vendita dei loro prodotti creativi, di alto valore, legati al mondo del riciclo. Nella veranda saranno ospitati i work-shop dedicati al riciclo per grandi e piccoli ideati da BettyConcept: Bimbetty disegna il tuo vestito e producilo, per i bambini e Costumbetty recupera i tuoi capi pieni di ricordi per realizzare la tua coperta di Linus per il pubblico adulto.

Cascina Aperta

Un tempo l’aia era il luogo del lavoro ma anche dell’incontro e del divertimento, dove raccontare e ascoltare, mangiare e ballare. Saranno questi gli elementi che caratterizzeranno lo spazio della Cascina Aperta che ospiterà l’area food, la musica dal vivo, la fermata della carrozza degli asinelli, e la botteghina di Padernello con i prodotti del territorio e gli Show Cooking di Giulia Golino di Cook Eat Love dedicati ai piatti che si possono fare  con ciò che abbiamo in casa, magari utilizzando gli avanzi del giorno prima.Inoltre,  il Gruppo di Padernello per gli interventi assistiti con le asine offre  uno spazio per acquisire informazioni sull’argomento, ma soprattutto di sperimentare in prima persona l’emozione della relazione con un animale così semplice, ma nello stesso tempo così accoglienti e stimolanti come l’asino. Sia Sabato che Domenica si svolgeranno attività di avvicinamento alle asine e passeggiate in loro compagnia.

Ospite speciale della due giorni Gaia Segattini, alias Vendetta Uncinetta, figura di riferimento per la nuova scena artigiana italiana. Nel Gaia Segattini Corner, Gaia fornirà su prenotazione, da effettuare  sul sito del Castello, una consulenza ai giovani artigiani interessati a far crescere le loro attività.

Visitando l’emozionante mostra dedicata a Domenico Lusetti al prezzo speciale di €5, il pubblico potrà fruire di tutti gli spazi espositivi. Ingresso gratuito per i bambini fino a 12 anni. Alcuni work shop saranno ad iscrizione e a pagamento.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *