Il Consiglio dei Ministri ha avviato l’esame del Piano nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), il programma di investimenti che l’Italia deve presentare alla Commissione europea nell’ambito del programma Next Generation EU al fine di fronteggiare le conseguenze economiche e sociali della pandemia da COVID-19.

Il programma ha l’obiettivo di sostenere riforme e investimenti al fine di agevolare una ripresa duratura, migliorare l’equità e l’inclusione sociale e assicurare il riequilibrio territoriale.

Il piano si articola in sei missioni, che rappresentano le aree di intervento:

  • Digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo;
  • Rivoluzione verde e transizione ecologica;
  • Infrastrutture per la mobilità;
  • Istruzione, formazione, ricerca e cultura;
  • Equità sociale, di genere e territoriale;
  • Salute.

La bozza del Piano vale 196 miliardi di euro, la parte più consistente è per l’obiettivo transizione verde e digitale che conta 123 miliardi di euro.