Nella giornata inaugurale del campionato di serie B, nel girone 1 dominio delle squadre viaggianti che vincono in 3 campi su 4.

Nel derby siciliano netta affermazione della Moncada Group Agrigento (Rotondo 24) che supera il Green Palermo (Guerra 13), mentre la Keos Ragusa (Mastroianni 25) cade nel finale contro gli emiliani del Bologna 2016 (Conti 27); mentre a Torrenova dei Nebrodi (Lasagni 14) la squadra di casa sfiora il colpaccio ma è costretta a cedere nel finale contro la favorita Vaporart Bernareggio (Baldini 17).

Come detto l’unico sorriso delle squadre di casa è venuto dal derby lombardo che ha visto prevalere la Ltc Sangiorgese (Bianchi 20) che a sorpresa ha superato la GreenUp Crema (Arrigoni 18).

Nel girone B2 ben gare su 4 sono state rinviate, di cui 2 a causa del Covid-19 ed una causa l’impegno in nazionale del giocatore albanese della Coelsanus Varese Ivanaj, mentre l’unica gara disputata ha visto prevalere la Ju.Vi. Ferraroni Cremona (Bona 29) che nei secondi finali ha superato una mai doma Alberti & Santi Fiorenzuola d’Arda (Fowler 17), di cui a seguire il commento:

una Juvi a corrente alternata vince a fatica nel match d’esordio contro i neopromossi emiliani della Alberti & Santi Fiorenzuola d’Arda che cedono nei secondi finali con il punteggio finale di 88 ad 82 e si prendono i primi 2 punti stagionali.

Per questa gara coach Simone Lottici, ex di turno al pari del Direttore Sportivo Andrea Zagni e di Klyuchnyk ancora a mezzo servizio causa infortunio alla schiena, schiera lo starting five composto da Bona, Masciarelli, Varaschin, Crescenzi e Bassi con il neoacquisto Antrops che parte dalla panchina. Dall’altra parte coach Galetti recupera in extremis Brighi non al meglio e risponde con Maggiotto, Ricci, Livelli, Galli e Bracci.

Il match vede un inizio diesel per la Ferraroni che subisce la verve dei piacentini e con una tripla di Livelli allungano sul 6 ad 11 al 4′, ma i gigliati trascinati dall’Mvp Bona impiegano un paio di minuti per raddrizzare il match e con 5 punti consecutivi di Crescenzi pareggiano i conti a quota 14 e poco dopo Varaschin sigla il primo vantaggio locale sul 16 a 14, ma Fiorenzuola non molla e grazie ad un ottimo gioco di squadra si riporta avanti ma Bona con una tripla quasi allo scadere impatta il match a quota 25 chiudendo un’effervescente 1ª frazione.

Nel 2° periodo parte bene la Ferraroni che trascinata dal russo Korsunov si invola sul 35 a 27 al 13′, ma gli ospiti non cedono e trascinati da Fowler si riportano a -5, poi altro allungo dei gigliati che sull’asse Bona-Varaschin toccano la doppia cifra di vantaggio sul 46 a 35 al 18′, poi altro black-out locale e la Alberti&Santi recupera sino a -5, ma sul capovolgimento di fronte Bona manda le squadre al riposo sul punteggio di 49 a 42.

Al rientro dagli spogliatoi è ancora Bona dalla lunga distanza che riporta i cremonesi a +10, ma Fiorenzuola non si arrende e trascinati dal trio Brighi-Ricci e Galli piazza un parziale di 0 a 9 riportandosi a -1, poi dopo un tiro libero su 2 Fowler pareggia i conti a quota 53 al 24′. La partita è piacevole e gli ospiti provano ancora a scappare riportandosi a +6 ma una tripla di Korsunov ed un tiro libero di Bona riportano il match in perfetta parità a quota 62, da qui si procede punto a punto sino ai secondi finali quando Fowler con 2 tiri liberi chiude il 3° tempo sul punteggio di 64 a 66.

Negli ultimi 10′ è ancora Korsunov con una tripla a riportare avanti la Ferraroni sul 67 a 66, poi l’incontro procede in sostanziale equilibrio per alcuni minuti sino a quando Klyuchnyiuk con 4 tiri liberi consecutivi ed un tiro libero di Bona spingono i cremonesi a +7 sul 77 a 70. Si poteva pensare al Partita chiusa ed invece no, perché i piacentini non cedono e con Ricci si riportano a -1 a poco più di un minuto dal termine. La partita allora si risolve nel finale con Mercante che piazza 4 punti consecutivi siglando l’85 ad 80 a 30” dalla fine, costringendo coach Galetti al time out. Al rientro in campo Fowler riporta gli ospiti a -3, ma sul capovolgimento di fronte Bona a 17” dalla fine piazza la tripla del definitivo 88 ad 82.

JU.VI. FERRARONI CREMONA-ALBERTI & SANTI FIORENZUOLA D’ARDA 88-82
PARZIALI: 25-25, 49-42, 64-66
JU.VI. FERRARONI CREMONA: Mercante 8, Antrops, Bona 29, Vacchelli 3, Masciarelli 2, Korsunov 16, Varaschin 15, Crescenzi 6, Giulietti n.e., Bonavida n.e., Klyuchnyk 7, Bassi 2. All.: Lottici.
Nessuno uscito per 5 falli, fallo antisportivo a Varaschin 38′ (79-75).
ALBERTI & SANTI FIORENZUOLA D’ARDA: Maggiotto 9, Botteghi 2, Ricci 15, Zucchi n.e., Livelli 15, Rigoni, Fellegara n.e., Bussolo n.e., Brighi 4, Galli 12, Fowler 17, Bracci 8. All.: Galetti.
Usciti per 5 falli: Maggiotto 33′ (69-68) e Bracci 35′ (74-68).
ARBITRI: Rezzoagli di Rapallo (GE) e Pulina di Rivoli (TO).

Di seguito il resoconto della partita esterna che ha visto in campo dell’LTC Sangiorgese la GreenUp Crema:

San Giorgio su Legnano (MI) – Comincia con una sconfitta in terra milanese l’avventura della GreenUp Crema che cede nel finale sul campo della Ltc Sangiorgese che si impone con il punteggio finale di 79 a 70.

Per questa gara coach Eliantonio deve rinunciare all’infortunato Perez e schiera lo starting five composto da Leardini, Venturoli, Pederzini, Arrigoni e Drocker; mentre dall’altra parte coach Quilici risponde con Picarelli, Berra, Bargnesi, Bianchi e Toso.

La gara vede un inizio equilibrato con entrambe le squadre che si alternano al comando sino all’8′ con un canestro di Trentin, poi nei minuti conclusivi una tripla di Picarelli ed i canestri di Dushi ed Artuso spingono la Sangiorgese a +6 chiudendo il 1° minitempo sul punteggio di 20 a 14.

Nella 2ª frazione parte bene la GreenUp che grazie a 2 tiri liberi di Trentin pareggia i conti a quota 21 al 13′, poi si procede con le 2 squadre a braccetto sino ai secondi conclusivi e Pederzini con 2 tiri liberi manda le squadre al riposo sul risultato di 35 a 40.

Al rientro dagli spogliatoi partenza a razzo dei padroni di casa che al 25′ con Bianchi si involano sul 49 a 40, poi la GreenUp si sblocca e Montanari con 2 tiri liberi riporta i rosaneri a -6, ma nel finale altro mini allungo dei padroni di casa e Picarelli dalla lunetta sigla il 61 a 52.

Nel quarto conclusivo la Ltc arriva in doppia cifra di vantaggio poi grazie ai canestri del trio Arrigoni-Pederzini e Venturoli si riporta a -3 sul 64 a 61 al 34′, ma i padroni di casa non mollano e mantengono sempre un vantaggio intorno alle 10 lunghezze. Nel finale coach Eliantonio tenta il tutto per tutto e la GreenUp con un canestro di Arrigoni si riavvicina a -3, ma nei secondi conclusivi gli errori di Drocker condannano i rosanero e Bianchi chiude il match sul 79 a 70 finale.

LTC SANGIORGESE-GREENUP CREMA 79-70
PARZIALI: 20-14, 35-40, 61-52
LTC SANGIORGESE: Artuso 8, Picarelli 18, Codato, Fragonara 8, Berra, Bargnesi 11, Malkic 5, Bianchi 20, Cassinerio, Dushi 2, Baggi n.e., Toso 7. All.: Quilici.
Nessuno uscito per 5 falli.
GREENUP CREMA: Leardini 4, Montanari 6, Venturoli 7, Pederzini 11, Arrigoni 18, Bonvini n.e., Dosen 2, Del Sorbo 5, Drocker 7, Trentin 10. All.: Eliantonio.
Nessuno uscito per 5 falli, fallo tecnico alla panchina 22′ (38-40).
ARBITRI: Martinelli di Brescia e Scaramellini di Villa di Chiavenna (SO).