Tempo di lettura: 3 minuti

Pescarolo ed Uniti (Cremona) – In una bella giornata, anche se con la scomparsa del sole, già dalla mattinata, l’auspicio era che la situazione non peggiorasse ulteriormente. Fortunatamente così è stato, e ad aggiungersi, come motivo di felicità, all’ottima riuscita della prima sfilata del Carnevale pescarolese, la notizia della vittoria del G.S.Pescarolo, per 2 a 0 a Gussola contro l’oratorio Santa Maria.

Certamente, per tutti gli addetti ai lavori è stata una giornata impegnativa; i problemi non sono mancati, ma la volontà di andare avanti ha vinto. Il capannone di via Zanetti è stato aperto presto, per portare i carri all’esterno, nel piazzale, per poter terminare tutte le  finiture che non si sono potute fare all’interno: un lavoro non da poco, che ha inevitabilmente ritardato la partenza dei carri alla volta della piazza.

Certamente un grosso “bravi” va ai trattoristi in quanto passare dall’apertura della porta del capannone con delle dimensioni dei carri veramente importanti, considerando poi che il piazzale è adibito a discarica, non è stato facile, non avendo grandi spazi di manovra. Poi sul percorso non sono mancati i soliti inconvenienti; ad esempio gli attraversamenti aerei di cavi elettrici, che da anni si vocifera, andrebbero interrati. Comunque tutto è stato superato e i carri sono arrivati in piazza verso mezzogiorno. Nel frattempo altri volontari, ospiti di Achille Caifa, si trovavano impegnati in cucina a preparare il pranzo per gli addetti ai lavori e per il Complesso folkloristico pavullese (Pavullo è un comune in provincia di Modena e di circa 1.800 abitanti).

Non avendo potuto fare la cerimonia per l’elezione del Re Carnevale in programma sabato 1 febbraio, l’evento è rientrato nel programma di oggi, domenica 9 febbraio, quando il papabile alla nomina veniva accompagnato in piazza Garibaldi dai soldati romani e dai personaggi dell’Olimpo.

Un bambino, sul cuscino rosso, portava al Sindaco, Graziano Cominetti, sul palco, la corona per il futuro Re, che è toccata a Paolo Bonetti nominato Re del Carnevale 2020, oltre a mettere al collo dello stesso la chiave del paese. Il Re Carnevale ha ringraziato il Sindaco per l’importante responsabilità affidatagli e ha assicurato che farà il bravo. Così i presentatori, Luca Bodini e Fiora Vanni hanno dato il via all’apertura ufficiale del Carnevale pescarolese 2020.

Dopo il bellissimo intervento del Gruppo folcloristico pavullese, con gli alti cappelli a punta e costumi ricchi di colore, con una musica che invitava al ballo, è stata realizzata una semplice ma brillante e simpatica idea di Giovanni Brozzi: una barca di pescatori che, nonostante siano in alto mare, non pescano altro che plastica. Un’idea, dice lo stesso Giovanni, che ci è balenata in testa una volta finito il grosso lavoro di aiuto agli altri, durante l’ultima settimana.

Tra i bellissimi e grandi carri realizzati nel capannone di via Zanetti, per conto della Pro Loco, c’erano “Angeli e demoni“, “Zeus e gli dei dell’Olimpo“, “Cinquant’anni fa i primi passi“. Tra gli altri carri in sfilata “Jurassic Park“ ideato e realizzato dall’intraprendente giovane Anna Mariotti, con la collaborazione di Guido Aletti e Marta Fiameni, “Alice nel paese delle meraviglie” realizzato dal gruppo “Orsa maggiore” di Alessandro Biloni con l’aiuto di Valter Reboani, Lisa Zagni, Elisa Premi, Monica Borghisani, Raffaella Nervi e Claudia Ceretti. A completamento della parata seguivano i gruppi mascherati.

In sfilata anche l’immancabile Adelio Giorgi con l’ormai famosa carrozza della Barbie, sempre apprezzatissima da piccoli e grandi. Novità invece di questa edizione un piazzale con la giostra centrale, attorno la classica baracca del tiro a segno e le panchine.

Oltre alle numerose maschere singole e di gruppi che giravano sulla piazza, in sfilata abbiamo visto le bellissime interpretazioni nate dalla grande immancabile fantasia dei nostri concittadini, con il coinvolgimento di familiari e amici vari. Attilio Barbieri con “La fattoria di zio Tobia”, Rossano Bacchiocchi con “Pescarolo airline” e Cristina, Ombretta e amiche con “Le streghe”, costumi, striscione e con tanto di pentolone per preparare i filtri magici dell’amore. Il tutto completato dal bravissimo Andrea, che girava sulla piazza con “IL PENTOLINO” con le carrozze sempre al completo.

Tirando le somme, una prima uscita del Carnevale pescarolese, partita un po’ in sordina, ma poi il pubblico è arrivato a rincuorare tutti quelli che hanno voluto proporre di rivivere la tradizione. Ricordiamo che le prossime sfilate sono in programma, nel mese di febbraio, domenica 16, sabato 22, dalle ore 19.00 in poi, e Domenica 23; quest’ultima una domenica particolare che comincerà già a risentire dell’atmosfera del tradizionale “falò”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *