Tempo di lettura: 5 minuti

Lumezzane (Brescia) – Con l’arrivo dell’autunno i migliori teatri allestiscono i cartelloni della nuova stagione teatrale per dar modo agli spettatori di programmarsi il proprio tempo libero. Da ottobre a maggio decine e decine di rappresentazioni e di spettacoli per tutti i gusti, non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Molto interessante la rassegna allestita dal Teatro Odeon di Lumezzane per la stagione 2018-2019, nel cartellone approntato dall’assessorato alla cultura di Lumezzane troviamo artisti del calibro di Giacomo Poretti, Angela Finocchiaro, Ale&Franz, Geppi Cucciari, Elio De Capitani, Cristina Crippa e molti altri ancora, prova tangibile dell’impegno duraturo grazie al quale il comune valgobbino ha conquistato negli anni un ruolo primario nella proposta culturale sul territorio. Dal 19 ottobre al 3 aprile 2019.

Il cartellone allestito.

  • Venerdì 19 ottobre, ore 20.45 – ITC2000 presenta “Nel nostro piccolo“, con Ale&Franz.
    Lo spettacolo è un viaggio alla ricerca di un punto di partenza, che Ale&Franz, accompagnati da una live band, compiono raccontando le piccolezze, le sconfitte, le paure che ci accompagnano anche quando si vivono storie non sempre vincenti.
  • Martedì 30 ottobre, ore 20.45 – 369Gradi presenta “White Rabbit, Red Rabbit, con “Un Attrice”.
    Lei entra in scena. Si accendono le luci. Le viene consegnata una busta chiusa. L’attrice sa che deve prestarsi alla lettura (ma non solo). Ma non conosce il testo che deve leggere (ma non solo). È la condizione della sua presenza a questa serata unica. Non lo potrà più leggere (ma non solo). Per lei è, come per il pubblico, un (lo chiamano così) Evento Unico. White Rabbit Red Rabbit è un testo scritto nel 2010 a 29 anni dall’iraniano Nassim Soleimanpour, in un momento in cui non aveva possibilità di comunicare con l’esterno del suo paese.
  • Martedì 13 novembre, ore 20.45 – AGIDI presenta “Fare un’anima“, con Giacomo Poretti.
    Scritto e interpretato da Giacomo Poretti, questo monologo raccoglie divagazioni e provocazioni su un organo che i moderni manuali di anatomia non contemplano ma di cui da millenni gli uomini di ogni latitudine hanno parlato: quando si sviluppa l’anima in un essere vivente? Esiste realmente o è solo una chimera, un desiderio? Oppure è così infinitesimale che non la si vede nemmeno con il più grande scompositore di particelle? E alla fine, anche se la scovassimo, l’anima a che serve? Cosa ce ne facciamo? O meglio, cosa vorrebbe farne lei di noi?
  • Martedì 4 dicembre, ore 20.45 – Teatro di Sardegna presenta “Urania d’Agosto“, con Lucia Calamaro, Maria Grazia Sughi e Michela Atzeni.
    La più grande drammaturga italiana di questi anni, Lucia Calamaro, ci dona ancora una volta un ritratto di donna nella quale rispecchiare le intime confusioni di cui siamo vittime quando la realtà intorno a noi sembra fluttuare senza lasciarci sicurezze. Asociale e un po’ ridicola, scocciata dal mondo, accanita lettrice notturna di Urania e fanatica della vita e delle opere degli astronauti, durante un isolatissimo agosto in città, la protagonista comincia a confondere le cose.
  • Venerdì 14 dicembre, ore 20.45 – Compagnia Gank presenta “Poker“, la prima commedia di Patrick Marber, drammaturgo, sceneggiatore, attore e regista britannico in grande ascesa. “Poker” è una creazione perfetta, leggera, crudele e molto, molto divertente. La routine di cinque persone che ogni domenica sera, dopo la chiusura di un locale, giocano a poker tutta la notte, viene spezzata dall’ingresso in scena, e al tavolo da gioco, di un personaggio misterioso che ….
  • Giovedì 17 gennaio, ore 20.45 – ITC2000 presenta “Perfetta“, con Geppi Cucciari.
    Un monologo teatrale che racconta un mese di vita di una donna attraverso le quattro fasi del ciclo femminile. Una donna che conduce una vita regolare, scandita da abitudini che si ripetono ogni giorno, e che come tutti noi lotta nel mondo. Ma è una donna, e il suo corpo è una macchina faticosa e perfetta che la costringe a dei cicli, di cui gli uomini sanno pochissimo e di cui persino molte donne non sono così consapevoli. “Perfetta” è la radiografia sociale ed emotiva, fisica, di 28 comici e disperati giorni della sua vita.
  • Martedì 29 gennaio, ore 20.45 – Teatro dell’Elfo presenta “Libri da ardere“, con Elio De Capitani e Cristina Crippa.
    Nothomb è autrice di romanzi di successo che hanno ispirato film e spettacoli, tuttavia ha scritto un unico testo teatrale, “Libri da ardere“. Cristina Crippa, sua assidua lettrice, nel 2006 scelse di portarlo in scena, certa della forza dei tre personaggi coinvolti in questo gioco crudele. Ne nacque uno spettacolo che debuttò con successo al Festival Asti Teatro e venne riproposto per alcune stagioni.
  • Venerdì 8 febbraio, ore 20.45 – Compagnia Deflorian Tagliarini presenta “Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni“.
    Lo spettacolo è una rifl essione scaturita da uno spunto drammaturgico forte, urgente, come la vicenda – mai avvenuta, ma credibile – di quattro pensionate greche che, al culmine della crisi, compiono un atto estremo per non pesare sulle casse dello Stato. Ma non ci sono urla, pianti o lacerazioni, troppo spesso usate in teatro, anche vanamente, per cercare di trasmettere emozioni. C’è una volontà di raccontare una storia con parole semplici, con decisi segni teatrali, con la precisione di azioni sceniche che sostituiscono spesso la modalità narrativa.
  • Martedì 19 febbraio, ore 20.45 – Centro d’Arte Contempo Teatro Carcano presenta “La bisbetica domata“, con Andrea Chiodi, Christian La Rosa, Angelo di Genio Tindaro Granata.
    Una commedia che suo malgrado ci fa ridere perché piena di atrocità e di strani rapporti, dove l’amore non è amore ma interesse, dove la finzione è uno dei primi ingredienti già dopo due pagine di testo; insomma una sfida complessa che ha portato la compagnia a scegliere il gioco Elisabettiano del travestimento, perché in fondo i rapporti sono così falsati, così poco naturali che solo una stranezza quasi animalesca poteva rendere bene l’idea di cuori selvatici, appunto da addomesticare.
  • Mercoledì 13 marzo, ore 20.45 – AGIDI presenta “Ho perso il filo“, con Angela Finocchiaro.
    In scena, circondata da sette danzatori, un’Angela Finocchiaro inedita, che si mette alla prova in modo sorprendente con linguaggi espressivi mai affrontati prima, per raccontarci con la sua stralunata comicità e ironia un’avventura straordinaria, emozionante e divertente al tempo stesso: quella di un’eroina pasticciona e anticonvenzionale che parte per un viaggio, si perde, tentenna ma poi combatte fi no all’ultimo il suo spaventoso Minotauro.
  • Giovedì 21 marzo, ore 20.45 – Collettivo Cinetico presenta “Amleto“, con Francesca Pennini.
    L’Amleto di CollettivO CineticO è un meccanismo letale. La scena è spazio preparato ad ospitare aleatorietà e inevitabilità in un limbo costante tra ironia e tragedia. La selezione aperta a tutti, che siano attori professionisti, dilettanti, malcapitati, timidi intellettuali,
    registi, parrucchieri, esibizionisti, assicuratori annoiati, sostituti dell’ultimo minuto o sfi gati, avverrà nei mesi precedenti lo spettacolo a cura della compagnia. Ma a decidere l’Amleto vincitore, tra questo panorama di improbabili Amleti sarà il pubblico.
  • Mercoledì 3 aprile, ore 20.45 – Teatro Franco Parenti presenta “L’operazione“, con Rosario Lisma.
    Chiusi in uno spazio sotterraneo, come topi operosi, alle prese con le prove di uno spettacolo sulle Brigate Rosse, quattro attori lavorano, si confrontano, litigano, si confidano, sperano e si deprimono e alla fi ne, accecati dal delirio combattente dei personaggi che interpretano sulla scena, sequestrano un autorevolissimo personaggio alla maniera dei sequestri lampo delle prime cellule brigatiste degli anni ‘70, costringendolo con le cattive a vedere il loro lavoro. Il finale è semplicemente esilarante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *