Entro il mese di febbraio gli albergatori devono prenotare gli incentivi per la ristrutturazione e la riqualificazione delle strutture. Gli interventi possono riguardare l’ammodernamento delle stesse, la realizzazione di interventi di efficienza energetica e di riqualificazione antisismica, l’acquisto di mobili e arredi.

Rientrano fra le spese ammissibili: il rifacimento o la sostituzione di cucine e attrezzature professionali, l’acquisto di letti, materassi, tavoli, sedute, nonché arredi fissi per il bagno, apparecchi di illuminazione, ombrelloni e molto altro.

Grazie al Tax Credit Turismo è possibile usufruire di un credito di imposta fino a ban200 mila euro, nel limite del 65% delle spese sostenute nel corso del 2018. Il beneficio spetta alle imprese alberghiere e agli agriturismi già esistenti alla data del 1° gennaio 2012.

Le richieste vanno presentate in via telematica dal 18 al 19 febbraio 2019, mentre lo sportello per la compilazione resterà aperto dal 14 gennaio 2019 all’11 febbraio 2019.

Dall’anno prossimo cambia l’ente di riferimento, non sarà più il Ministero per i Beni Culturali ma il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo.