Google dedica il doodle di oggi ad Alda Merini: la poetessa e scrittrice italiana, nata a Milano il 21 marzo del 1931 e che oggi avrebbe compiuto 85 anni. Alda Merini è morta l’1 novembre del 2009 a Milano.

”Sono una piccola ape furibonda. Mi piace cambiare di colore. Mi piace di cambiare di misura”.

Sono queste le parole che Alda Merini, la grande poetessa aveva scelto per la hompage del suo sito ufficiale, accanto ad una immagine molto intensa, in bianco e nero, con l’immancabile sigaretta in mano e la altrettanto inseparabile collana di perle al collo.

Alda Merini era nata a Milano nel 1931. Aveva iniziato a comporre le prime liriche giovanissima, a 16 anni , e subito incontrò il favore dei suoi lettori.

La prima raccolta di poesie di Alda Merini, ‘La presenza di Orfeo’, pubblicata nel 1953, ebbe subito un grande successo di critica ed allora lei aveva gia’ incontrato Giorgio Manganelli, al quale fu legata fino alla fine da una forte amicizia.

Sempre nel ’53 sposava Ettore Carniti, proprietario di alcune panetterie a Milano, dal quale ebbe la prima figlia: al pediatra della bambina dedica Tu sei Pietro, del 1961.

Nel 1965 viene internata al manicomio Paolo Pini dal quale uscira’ solo nel ’72 a parte brevi periodi a casa nel corso dei quali nasceranno altre tre figlie.

 ”La verita’ e’ sempre quella”, scriveva, ‘‘la cattiveria degli uomini che ti abbassa/e ti costruisce un santuario di odio dietro la porta socchiusa”. 

Nel 1996 era stata proposta per il Premio Nobel per la Letteratura dall’Academie Francaise. Ha vinto il Premio Viareggio, nel 1997 le e’ stato assegnato il Premio Procida-Elsa Morante e nel 1999 il Premio della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Settore Poesia.