Tempo di lettura: 2 minuti

Casalmaggiore Cremona.  Si preannuncia un week end ricco di eventi il 19 e 20 marzo, all’insegna dello sport, ma anche di cultura e di impegno sociale  presso il centro “Paolo Corna” dell’ASD Interflumina.

In particolare sabato 19 marzo, ospite di Interflumina  alle ore 16 presso la Palestra Indoor “Paolo Corna”,  la Vice Presidente Vicaria del CONI Nazionale Silvia Salis che presenta il suo libro “La bambina più forte del Mondo”.

La giornata di sabato anticipa la 2ª prova del trofeo Frigerio, gara nazionale di marcia su strada dagli esordienti ai master in programma per domenica 20 marzo lungo le strade di Casalmaggiore con partenza da piazza Garibaldi alle ore 10.

Dopo 15 anni da atleta professionista nel lancio del martello, con due partecipazioni alle Olimpiadi, a causa di un infortunio ha smesso e ha deciso di impegnarsi da subito nella politica sportiva, dove mancano donne e giovani. È riuscita ad avere un ruolo sia in Federazione di Atletica Leggera che nel Consiglio Nazionale del Comitato Olimpico, rimanendo ad occuparsi da dirigente della squadra per la quale ho gareggiato: le Fiamme Azzurre. A maggio del 2021 sono stata nominata Vice Presidente Vicario del Comitato Olimpico.

A gennaio è in libreria il suo libro La bambina più forte del mondo, una favola per tutte le età, che parla di sogni, ambizioni, paure, cadute e risalite. L’autrice ospite dell’ASD Interflumina presenterà il libro, un’occasione per tutte le età, e soprattutto per i più giovani, per ascoltare la voce di una atleta che sin da piccola ha trovato nello sporto una ragione, sana, di vita e di ideali.

Dal libro: “A soli tre anni, Stella è già inarrestabile. Il suo regno è il campo sportivo di Villa Gentile, che di notte si trasforma in un luogo magico tutto da esplorare tra pozze di lava incandescente e mari di gommapiuma. Ma niente attira l’attenzione di Stella come la gigantesca gabbia al centro del campo, dove i lanciatori del martello si allenano senza sosta a scagliare lontano pesanti sfere d’acciaio.

Stella non ha dubbi, un giorno anche lei farà parte dei fortissimi difensori di quel castello fatto di corde intrecciate e aspirazioni. Anche da grande, quando le fantasie lasciano il posto a duri allenamenti, continua a lottare per realizzare quel sogno. Peccato che l’allenatore Robori non sia d’accordo: il lancio del martello è uno sport da maschi e Stella è solo una femminuccia.

Ancora non sa che è praticamente impossibile impedirle di ottenere ciò che vuole, perché quella davanti a lui è la bambina più forte del mondo. Una storia di sport, amicizia, rispetto e autodeterminazione dedicata alle bambine e ai bambini indomabili che sanno che non esistono cose ‘da maschi’ e cose ‘da femmine’, ma solo sogni in cui credere.”

Età di lettura consigliata, come per l’incontro con Silvia Salis, dai 7 anni in su.