Comacchio, Ferrara. Dal 1999, ogni autunno, la città lagunare ospita l’annuale sagra dedicata all’anguilla: evento principe, nella miglior cornice possibile, fatta d’acqua e di ponti monumentali in cotto e pietra d’Istria, per rendere omaggio alla regina indiscussa delle sue Valli.

Dal 28 Settembre al 14 ottobre torna la Sagra dell’Anguilla, un evento, centrale nella programmazione turistica autunnale, richiama turisti da tutta la penisola per 3 weekend nella splendida città sull’acqua di Comacchio diventa scenario di piatti tipici, ricette antiche e pietanze innovative, tra fumanti stand e tanti eventi collaterali.

Si può partecipare a dimostrazioni di cattura dell’anguilla, ad escursioni in barca tra gli scenari del Delta del Po, caccie al tesoro e poi vivere l’esperienza di guidare le batane, le imbarcazioni tipiche, ed immergersi tra spettacoli, musica jazz, teatro e letteratura. Tantissime le iniziative per scoprire il territorio, il percorso museale all’aperto tra gli antichi casoni delle valli e la Manifattura dei Marinati, che racconta la memoria della lavorazione dell’anguilla, oggi presidio Slow Food, ed un tempo cuore dell’economia e dell’artigianato della gente di Comacchio.

Ogni anno, identità e storia locale riempiono di significati il centro cittadino. I piatti di pesce, preparati presso lo stand gastronomico e presso i ristoranti del centro, a conferma della tradizione di sapori negli uni e della volontà di sperimentazione negli altri, ricordano antichi saperi e storie millenarie.A Comacchio, la Sagra dell’Anguilla trova la sua migliore espressione. Tra i canali del centro storico e l’adiacente laguna si inscena uno spettacolo d’arte varia, tra i colori del cielo e le luci dell’acqua, tra i suoni della natura e il fascino della cultura popolare.

Il principale aspetto dell’evento è la degustazione di prelibati piatti a base di anguilla e di pesce di mare e di valle, preparati dai marinai di Comacchio presso l’attivissimo stand gastronomico ubicato in Via Fattibello (dietro il supermercato Coop).I ristoranti del territorio creeranno un circuito gastronomico che rivisiterà in chiave moderna i piatti a base di anguilla ed altre specialità locali. Nel centro storico cittadino, lungo i canali e fino al Loggiato dei Cappuccini sarà allestito un percorso espositivo con prodotti agricoli, prodotti tipici locali, artigianato, manufatti artistici, gastronomia, dolciumi.

Non dimentichiamoci inoltre delle escursioni nella cornice del Parco del Delta del Po, la cui biodiversità racchiusa nei suoi 800 chilometri quadrati lo rende un luogo unico in Europa per gli amanti della natura. Nelle piazze troveranno poi spazio un angolo giochi per bambini e il mercatino del collezionismo e delle curiosità.

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.