Tempo di lettura: 2 minuti

dalla nostra inviata Anabella Masu

Come da programma tutti svegli all’alba e di corsa sul pulmino di Beppe Tonello diretti alla città di Otavalo, dove si tiene il principale mercato artigianale ecuadoriano.
La visita ci ha permesso di valutare i prodotti tipici del paese, allacciare un primo contatto con la gente delle campagne e cercare di capire la loro mentalità.

Il mercato consiste in chilometri di bancarelle disposte in una piazza dove ognuno offre i propri lavori a prezzi stracciati e negozia con turisti e non per il prezzo della merce. Il mercato di Otavalo ha origini lontanissime, e anche se ora si sta un po’ vendendo al turista, quasi come uno scorcio di Ecuador in vetrina per essere guardato, si possono ancora trovare i campesinos che vendono i loro animali o li scambiano con altri beni di consumo.

Il nostro viaggio è continuato verso la provincia di Imbabura dove ci siamo concessi una breve sosta per il pranzo sulla riva della laguna Cuicocha, soprannominata per la sua bellezza “la laguna degli dei”, ma senza lasciarci tentare dalla bellezza di questo posto ci siamo diretti a Ibarra dove è situata l’agenzia più importante di Codesarrollo.

Il colloquio con la responsabile del settore crediti della filiale ha dato un quadro ancora più preciso della realtà ecuadoriana, dell’attaccamento di queste persone alla loro terra, ai loro animali, a quelle cose cioè che permettono loro di vivere.

Per finire la giornata il Presidente di Codesarrollo ci ha portati tra strade ciotolate che si snodavano sulle montagne scoprendo paesaggi di una bellezza rara all’Hospederia Campesina della Tola dove ha lavorato P. Tone Bresciani e siamo stati accolti con molto entusiasmo dalla popolazione che ricorda in modo particolare il Padre originario di Pavone Mella.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *