Tempo di lettura: 2 minuti

Reggio Emilia – “Dopo le scuole superiori, mio figlio voleva andare all’università. Per chi come Jacopo ha una disabilità cognitiva il diploma è più un attestato di frequenza della scuola che non un diploma vero e proprio e non permette di iscriversi all’università. Abbiamo deciso allora di frequentare Scienze dell’educazione come uditori”.

A parlare è Loretta Melli, mamma di Jacopo e presidente dell’associazione Università 21, che per tre anni ha accompagnato il figlio a seguire le lezioni all’Università di Reggio Emilia.

“Jacopo ha frequentato 15 corsi, grazie all’incontro con il delegato alla disabilità Enrico Giliberti, per ognuno ha scritto una tesina e dato un esame – racconta – Al termine del triennio ha sostenuto una prova finale, anche in questo caso ciò che ha ottenuto è un attestato di frequenza”.

L’esperienza però è stata “arricchente”, tanto che Melli ha pensato potesse essere ripetibile, con altri ragazzi e ragazze con disabilità.

Nel 2015 è nata l’associazione Università 21 e, in questi 4 anni, sono 20 i giovani disabili che hanno potuto frequentare l’università, come uditori, grazie a una convenzione con l’Università di Modena e Reggio Emilia e con l’assessorato alle Politiche sociali del Comune di Reggio Emilia.

Attualmente, sono 11 quelli che seguono i corsi, 2 hanno finito quest’anno il triennio, altri 4 inizieranno l’anno prossimo.

A Reggio Emilia frequentano tutti le lezioni a Scienze dell’educazione, ma la convenzione riguarda anche Scienze della comunicazione e dal prossimo anno inizieranno altri ragazzi a Scienze linguistiche nella sede di Modena.

Sono ragazzi con diversi tipi di disabilità cognitive, dall’autismo al ritardo mentale, ma tutti ad alta funzionalità, autonomi e in grado di stare in aule in cui ci possono essere anche 200 studenti – racconta Melli – Tutti sono seguiti da educatrici che li accompagnano ai corsi, proprio come ho fatto io con mio figlio”.

L’esperienza di Università 21 è stata raccontata da Silvia Comodi, educatrice e coordinatrice del progetto, nella sua tesi di laurea in Scienze pedagogiche.

Il lavoro è l’obiettivo del progetto Università 21. “Alcuni ragazzi sono stati inseriti già durante il percorso universitario – spiega Melli – Quello che cerchiamo di fare è trovare per loro opportunità lavorative diverse da quelle che, in genere, vengono proposte loro”.

In 4 sono stati inseriti in scuole materne come aiuto a educatori e insegnanti, uno lavora in una libreria e un altro in un negozio di videogiochi.

“Sono giovani che hanno fatto tutto il percorso di studi dalle elementari alle superiori, fino all’università – continua Melli – È giusto dare loro la possibilità di essere inseriti in ambiti diversi, in base alle competenze che hanno acquisito e alle loro inclinazioni. Noi cerchiamo di agevolarli”. 

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *