Tempo di lettura: 2 minuti

BookCity Milano, la manifestazione dedicata al libro e alla lettura che coinvolge l’intera filiera del libro, editori grandi e piccoli, librai, bibliotecari, autori, traduttori, grafici, illustratori, blogger, studenti, professori, lettori occasionali o forti, di ogni età, si terrà in streaming dall’11 al 15 novembre.

Sarà necessariamente un’edizione speciale, ma non per questo perderà lo spirito che da sempre la anima: avvicinare i milanesi, lettori e non, al libro e alla lettura. Anzi, il palinsesto, declinato in formato digitale per rispondere alle nuove direttive legate all’emergenza sanitaria, permetterà a BookCity di raggiungere nuovi pubblici e, con la potenza delle parole, abbracciare virtualmente tutta l’Italia.

Sul sito www.bookcitymilano.it è possibile consultare il ricco palinsesto di oltre 500 eventi, organizzati per data, per protagonisti, per temi e percorsi. Tutti gli eventi saranno trasmessi in streaming, per un’edizione completamente digitale: i link per connettersi saranno disponibili sul sito della manifestazione all’interno delle singole schede di ciascun evento.

“Se non ora quando?
Se non ora quando la lettura è più che mai fondamentale?
Il libro che, di volta in volta, secondo il genere, scatena fantasia e curiosità, ci guida nella vita, nelle sue imprevedibili vicende, trasmette sapere, voglia di resistere; il libro, insomma, è un compagno fedele, un approdo sicuro in un periodo di incertezze come l’attuale.
Un periodo in cui la distanza fisica diventa frantumazione sociale e solitudine.BookCity, la grande festa del libro, che da nove anni a novembre con almeno un migliaio di eventi, in centinaia di luoghi, è accolta con entusiasmo dalla città, non ammaina la bandiera nel momento in cui del libro c’è grande bisogno.
Proprio per la forma che assume questa edizione, vuole entrare più che mai in ogni casa, essere in ogni luogo insieme ai cittadini, al loro fianco, perché dobbiamo andare oltre, superare l’ostacolo, credere in un futuro migliore.” 

Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.