Tempo di lettura: 2 minuti

Ambria-Spino (Bergamo) – Continua con il secondo e conclusivo weekend Ambria Music Festival, che torna a far vibrare l’intera Val Brembana in una miscela esplosiva di generi musicali. Giunto alla sedicesima edizione la kermesse musicale bergamasca è un evento ormai ampiamente radicato nel territorio, nonché uno dei festival più importanti della Lombardia.

Si riparte giovedì 19 luglio con la seconda serata di “#AmbriaLovesReggae” e lo straordinario spettacolo di Mr Vegas & The Soul Rebel Band. Nato nel 1974 a Kingston, Jamaica, Mr. Vegas rappresenta il reggae e la musica giamaicana nel mondo da oltre 20 anni. Dal bashment al lovers rock, dal roots reggae alle dancing tunes, dal gospel al rocksteady, il suo stile ha abbracciato con successo ogni sottogenere del reggae dagli anni ’90 ad oggi. Innumerevoli i suoi successi planetari come “Heads High”, “Hot gal today” (con Sean Paul), “Tek weh yourself”, l’inno popolare giamaicano “Sweet Jamaica”, o la recentissima “Wakanda Jam”. Lo spettacolo dal vivo è un vitale condensato di questa sua lunga storia artistica, uno show coinvolgente fatto di danze, cori ed energia pura. In apertura una delle band rivelazione del panorama italiano, a presentare il nuovo lavoro “Impronte” direttamente da Trento, i Rebel Rootz.

I “Bud Spencer Blues Explosion” saranno i protagonisti della serata di venerdì 21 luglio. In tour il duo rock blues romano formato da Adriano Viterbini (chitarra) e Cesare Petulicchio (batteria), è accompagnato da Francesco Pacenza (basso e voce) e Tiziano Russo (tastiere e voce), per un appuntamento live di grandissimo impatto. In apertura di serata l’indie-folk coinvolgente e trascinante degli “Hobos in Dust“.

Ambria Music Festival 2018 si chiude sabato 21 luglio con la serata “#NoHeroes organizzata in collaborazione con #hashtag. L’evento, che da alcuni anni caratterizza il festival, offre il giusto spazio anche alle realtà musicali locali: sul palco di Ambria, per una serata che si preannuncia elettrizzante, saliranno “Le Capre a Sonagli“, “Vanarin“, “Spread“, “Giulia la Sera” e “Il Costato della Materia“.

A fare da contorno al festival l’ottima cucina tipica bergamasca che da sempre caratterizza Ambria Music Festival, fra portate gastronomiche locali, griglieria, pizzeria, birre selezionate e artigianali, vini del territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *