Tempo di lettura: 2 minuti

Mi scrive Andrea 54, maschio, 54 anni, si presuppone mano destra

grafo_andrea_54

Questa è la classica grafia “slanciata”, propria delle personalità capaci di entusiasmarsi e di apprezzare il “gioco” della vita.
Anche se alcune incertezze possono minare la naturale gioia del soggetto (incertezze dovute, comunque, agli inevitabili inghippi della quotidianità: quindi acquisite dall’ambiente, non proprie del soggetto stesso) in generale le caratteristiche di Andrea 54 risultano più vicine ad un quarantenne, che ad un cinquantenne.

A livelli più che buoni risulta la capacità di “visione panoramica” delle difficoltà e della realtà. Quindi: entusiasmo, sì, ma con i piedi per terra.
In questa grafia sono presenti anche alcuni tratti di ansia, comunque e sempre legati alla materialità (denaro, salute).

Andrea 54 ha in sé la capacità di rispondere a tono alle provocazioni, anche reattivamente: ma l’educazione di base gli darà la forza di trattenersi, per non causare il male altrui (e questo potrebbe portare a somatizzazioni a livello gastrointestinale, o a cefalee). Sono presenti Segni di paure irrazionali, mai portate a galla. Parlare delle proprie paure fa sì che esse vengano metabolizzate.

Cercarne le cause significa risolverle appieno. Le cosiddette “fobìe” sono retaggio di traumi subiti o creduti di subire in età non ancora razionalizzante (da 0 a 5/6 anni).

Se, ad esempio, un bimbo si perde al supermercato, può instaurare, da adulto, una agorafobia (paura dei grandi spazi aperti); se rimane chiuso in auto, può diventare poi claustrofobico (pauroso in spazi ristretti).

Il segno grafico della fobìa è presente, ma solo il colloquio può dire di quale si tratti. Cordialità e notevoli intuizione fanno sì che questa personalità sappia istintivamente cogliere alcuni (non tutti) i moti dell’animo di chi gli sta accanto. Puntualizzante (a volte all’eccesso) rischia di rendersi poco gradito all’habitat. Ma essere capaci di puntualizzazione dovrebbe essere considerato pregio, perché chi possiede questa caratteristica è, (di solito) anche affidabile e sicuro.

Inoltre, in questa grafia risulta un altissimo grado di senso estetico: come espleta questa dote? Dipinge? Suona? Se ancora non ha messo a frutto il suo senso estetico, l’occasione buona potrebbe essere quella di farsi regalare, in una ricorrenza, pennelli e cavalletto (o batteria, o pianola) ed iniziare a produrre. Non sfruttare le proprie capacità è un delitto.

CONDIVIDI
Anna Grasso Rossetti
Dopo l'insegnamento mi sono dedicata alla libera professione di: psicologa, perito grafico, esperto del segno presso i Tribunali, docente di psicologia della scrittura, di comunicazione fattiva e tecniche di rilassamento, consulente in Sessuologia, psicologa dello Sport. Sono iscritta al Collegio Lombardo Periti Esperti e Consulenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *