Rezzato, Brescia. Uccelli, mammiferi, rettili, pesci e insetti affrontano lunghi viaggi migratori. Che cosa porta questi animali a compiere piccole e grandi distanze? Quali sono le tecniche e gli stili di questi spostamenti? E i draghi e i dinosauri, migravano anche loro?

Per scoprirlo la PinAc, Pinacoteca dell’età evolutiva, ha scelto di proporre per domenica 28 gennaio un atelier per famiglie a cura di Pietro Maccioni.

Dalle 15,30 alle 17,30 i partecipanti, bambini dai 5 anni in su e genitori,
potranno partecipare gratuitamente e scoprire insieme la gioia di creare un animale migratore. L’iscrizione è obbligatoria: tel. 030 2792086 (martedì-venerdì 9-12.30) email: info@pinac.it

Ogni partecipante sceglierà il proprio animale migratore e lo costruirà assemblando ritagli di legno, pezzetti di rami, rondelle, tappi, radici, stuzzicadenti o anche forme disegnate e ritagliate. Per unire gli elementi (teste, zampe, code …) impareremo a usare i chiodi con il martello, dei piccoli seghetti e delle lime, le puntine da disegno con la colla vinilica e lo spago.

A conclusione del laboratorio ogni famiglia realizzerà una scultura mobile da appendere fatta di rami e con gli animali realizzati.

Pietro Maccioni è maestro d’arte in scultura diplomato all’Accademia di belle arti di Carrara, la sua ricerca artistica si rivolge al passato non solo all’interno della storia della scultura ma anche attraverso le religioni e l’antropologia. Docente di lavorazione del marmo e delle pietre dure all’Accademia di scultura, modellazione e design Rodolfo Vantini (Rezzato, Bs). Tiene corsi di scultura e progetti di manipolazione dell’argilla, laboratori tattili e bioedilizia con la terra cruda presso diverse strutture.

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.