Ogni ora in Italia un animale è vittima di violenze, spesso impunite.  Un dramma verso il quale nessuno può più chiudere gli occhi, per la sicurezza di tutti. Anche la recente, grave pandemia covid19 potrebbe essere riconducibile a traffici di animali e maltrattamenti/uccisione di animali, con gravissime conseguenze sanitarie per le popolazioni.

Nell’ambito delle azioni di contrasto dei reati a danno di animali e del protocollo d’intesa Carabinieri-LAV, l’Arma  firma un nuovo progetto editoriale curato dalla LAV in collaborazione con Autori vari, dal titolo: Norme di diritto penale e amministrativo a tutela degli animaliprocedure e casi pratici, con focus su aspetti medici veterinari correlati”.

Il Manuale tecnico-giuridico è accessibile gratuitamente dal sito dell’Arma dei Carabinieri nella sezione della rivista ambientale dei Carabinieri #NATURA.

Si tratta di una novità editoriale unica nel suo genere per l’aspetto “multidisciplinare” che la contraddistingue. Il volume,  destinato al personale dell’Arma dei Carabinieri e delle altre forze dell’ordine, ma anche alla magistratura e a una vasta platea di addetti al settore, approfondisce tutti gli aspetti del diritto degli animali sia nell’ambito amministrativo che penale, analizzando anche la procedura penale correlata e approfondendo tematiche veterinarie, sociologiche e filosofiche legate al concetto di protezione degli animali.

Il Manuale, suddiviso in 7 capitoli, si avvale di esperti di elevato profilo nei vari ambiti, che trattano temi legati alla protezione degli animali d’affezione, selvatici ed esotici, nonché le norme penali correlate con l’analisi di alcune importanti operazioni di contrasto. Una parte specifica è dedicata al traffico degli animali e agli allevamenti intensivi, temi ormai tristemente alla ribalta anche alla luce della recente crisi sanitaria Covid19.

“Ogni anno quasi 10.000 animali sono vittime di violenze in Italia, secondo stime LAV: un dato impressionante che caratterizza la nostra società ma anche un fenomeno complesso e da contrastare per la sua gravità e per i rischi correlati – afferma Gianluca Felicetti, presidente LAV proprio per questa ragione il Manuale si avvale della straordinaria collaborazione di oltre 20 autori, con professionalità in campi differenti, dall’area del controllo e della repressione dei reati, all’accertamento attraverso le conoscenze medico-veterinarie, psicologiche e filosofiche, fino al dettaglio di procedure e casi pratici che possono essere particolarmente utili per il personale dell’Arma dei Carabinieri e di altre forze di polizia. L’opera offre così una fattiva applicazione al Protocollo d’intesa siglato tra LAV e Arma dei Carabinieri, in particolare nell’ambito dell’articolo 1 “ambiti di collaborazione” punto 2 che prevede la cooperazione per attività formative reciproche in materia di tutela degli animali anche mediante la pubblicazione sui siti web istituzionali.”

“La protezione degli animali nei vari ambiti  è ormai  tema di grande attualità, anche visti gli ultimi accadimenti che denotano sempre più uno stretto legame tra i maltrattamenti animali e la sicurezza pubblica come nel caso del traffico delle specie protette, ma gli animali ogni giorno  sono difesi  dalle forze dell’ordine, insieme ad avvocati e magistrati – spiega l’avv. Carla Campanaro, Responsabile Ufficio Legale LAV – Le norme a tutela degli animali sono sempre più numerose, sia in ambito amministrativo che penale, e racchiudono l’intento del legislatore europeo e nazionale di orientare verso sempre maggiori tutele gli animali, in particolare quelli ancora oggi destinati ad attività che ne prevedono il loro impiego per finalità commerciali. Il pregio di questo Manuale è la ricchezza di competenze in molti ambiti che vanno oltre il diritto, fino all’area medico-veterinaria e filosofica, e alla valorizzazione delle reciproche esperienze sul campo con il riferimento anche a vicende giudiziarie eclatanti come Green Hill o che riguardano il contrabbando di specie protette. Siamo convinti quindi che questo manuale possa essere un concreto strumento per gli addetti ai lavori per rendere effettive queste norme sul territorio e contribuire così alla concreta salvezza di migliaia di animali”.