Tempo di lettura: 2 minuti

Gerre de’ Caprioli, Cremona. Baracca, burattini e burattinai da secoli viaggiano per cascine e paesi per incantare piccoli e adulti con storia inventate e tramandate oralmente o con canovacci amatoriali, è la commedia dell’arte che per la sua semplicità ed espressione dal vivo entrano in sintonia con gli spettatori.

Mercoledì 10 ore 21.30 presso la Cascina Bugatti di Gerre de’ Caprioli arriva la baracca dei burattini tradizionali emiliano-romagnoli con lo spettacolo: “Il Rapimento del Principe Carlo” rappresentato dai burattinai Mauro Monticelli e Andrea Monticelli della Compagnia Teatro del Drago di Ravenna. E’ una produzione del 1983 che ha conseguito molto successo in Italia e all’estero ed inoltre è stato segnalato in alcuni dei più importanti festival nazionali ed internazionali.

La Commedia Burattinesca dell’Emilia Romagna è rappresentata negli spettacoli del Teatro del Drago, custode sapiente di una memoria antica e forte di un’esperienza contemporanea data da lunghe tournée in Italia e all’estero. È la compagnia di una delle più antiche Famiglie d’Arte di spettacolo attiva nel settore dei burattini e delle marionette dalla prima metà del XIX secolo: la Famiglia Monticelli. I fratelli Mauro e Andrea, gli attuali Direttori Artistici, rappresentano la quinta generazione di questa ininterrotta tradizione.

L’attività si svolge su due versanti: quello della tradizione, con gli spettacoli di burattini tradizionali e la conservazione dei materiali della Collezione Monticelli; quello della ricerca, attraverso gli spettacoli di teatro di figura contemporaneo in cui si concretizza una personale linea artistica, originale sia nell’impiego dei materiali che nelle tecniche di animazione.

La progettualità della ricerca è sostenuta dalla conservazione e trasmissione del settore dei burattini e delle marionette tradizionali, con la consapevolezza dell’importanza culturale delle proprie radici storiche. La compagnia è riconosciuta e sovvenzionata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e dalla Regione Emilia-Romagna per la produzione e promozione del Teatro di Figura.

Lo spettacolo, dalla trama molto semplice, proviene da un vecchio canovaccio della metà dell’800. La storia inizia alla reggia di un vecchio re a cui è stato rapito il figlio. Viene dato ordine ai servi e ai soldati di andare a cercare il Principe Carlo in tutte le terre del regno; alla ricerca parte anche Fagiolino aiutato dai consigli della vecchia Fata Circe….
Alla fine merenda con il Salame Cremona IGP offerto dal Consorzio di tutela, dessert con Barilla, bevande e altro offerte dal Sindaco Marchi. In caso di maltempo lo spettacolo è sotto le barchesse.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *