Tempo di lettura: 3 minuti

Verona. I musei, le chiese i luoghi più belli e suggestivi del centro storico della città scaligera accolgono il festival Verona Tessile, la rassegna internazionale di arte tessile da giovedì 25 a domenica 28 aprile, organizzata con cadenza biennale dall’Associazione Ad Maiora.

Anche per questa edizione si daranno appuntamento a Verona gruppi italiani ed europei di arte tessile, artiste e artisti provenienti da tutto il mondo. Tra loro anche Joe Cunningham, studioso delle tradizioni del quilting americano e stimato artista tessile le cui opere figurano in gallerie e collezioni private americane. Cunningham realizza artquilts ispirati alla tradizione ma interpretati in chiave contemporanea, destrutturando le classiche figure patchwork e trasformandole in modo innovativo.

Il Paese ospite della quinta edizione del festival sarà l’Ungheria; gli Stati Uniti d’America saranno rappresentati dalla collezione Légeret con una mostra di opere antiche realizzate dalla comunità Amish. Completeranno il festival mostre collettive di artiste italiane e straniere, il Concorso Internazionale Laudato si’ ed infine, come da tradizione, l’esposizione dell’Associazione Ad Maiora, dedicata a “Sua Maestà L’Esagono”, da sempre uno dei motivi preferiti dalle quilter di tutto il mondo. Esagoni tradizionali e moderni, semplici o abbinati ad altre figure comporranno un mosaico di lavori vari e coloratissimi.

Verona Tessile si articolerà in diversi spazi espositivi della città messi a disposizione dall’Amministrazione Comunale, all’interno di edifici di particolare rilevanza storica e  architettonica. Nei prestigiosi spazi della Gran Guardia si svilupperà un percorso che proporrà 5 mostre.

Presso la Galleria d’Arte Moderna Achille Forti al Palazzo della Ragione (Sala Scacchi), Susanna Bigardi sarà la curatrice dei lavori appartenenti alla Corporazione delle artiste tessili ungheresi.

Nella Protomoteca, tra i busti degli illustri Veronesi, e nella vetrina di Sala Nervi della nuova Biblioteca, Daniela Spezzati curerà l’esposizione delle opere di alcune associazioni italiane provenienti da Portogruaro e Parma.

Nel Cortile centrale del Museo di Storia Naturale del sammicheliano palazzo Pompei, Luigina Franco seguirà la mostra “Tappeti Di Pietra” realizzata dalle artiste dall’associazione nazionale Quilt Italia, rilettura in tessuto delle geometrie e delle figure dei pavimenti di marmo policromi dei palazzi e chiese italiane.

Emanuela Meneghini e Vincenzo Callea nella sede di San Francesco al Corso organizzeranno l’esposizione di una serie di opere commissionate appositamente per l’evento create da artisti che, ispirandosi alla Divina Commedia, interpreteranno attraverso l’arte tessile i canti del Purgatorio e del Paradiso. Non mancheranno iniziative collaterali, con laboratori tessili, presentazione di libri ed eventi a tema.

Ad Maiora è una associazione di un centinaio di socie che con la loro passione e inventiva, attraverso il lavoro di gruppo, porta avanti un messaggio culturale, di eco-sostenibilità e solidarietà sociale. È questo il cuore pulsante dell’Associazione culturale Ad Maiora, che da oltre 20 anni valorizza l’artigianato e la creatività attraverso l’istruzione e la formazione di attività di recupero dell’arte tessile e del patchwork.

Ad Maiora è stata capofila per l’Italia del progetto di aiuto alle vedove afghane acquistando piccoli ricami. Le piastrelle ricamate inserite nei lavori di moltissime artiste internazionali hanno costituito una mostra itinerante per sensibilizzare su questa piaga sociale

in Afghanistan.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *