Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. È una serata di festa “Attenzione…si balla” in programma sabato 16 marzo alle 20,30, organizzata dall’Associazione Italiana Dislessia, presso la scuola di danza di Cremona “Specchio riflesso” di Giulia Torresani in corso Matteotti.

Una serata durante la quale l’associazione ha pensato di organizzare una lotteria per proporre, oltre alle prestigiose maglie delle società sportive professionistiche cremonesi, anche altri doni offerti da diverse aziende prestigiose locali.

Un modo per finanziare i progetti in corso, tra i quali: “Attenzione…adesso si gioca”, dove i bambini che presentano difficoltà scolastiche di apprendimento, dovuto alcune volte per il carico di attenzione, trovano nello sport o nelle attività ludiche un momento di espressione per accrescere il loro senso di competenza e di autoefficacia.

L’Associazione Italiana Dislessia è un’associazione di promozione sociale nazionale che si occupa di disturbi specifici dell’apprendimento sin dalla sua fondazione, nel 1996 a Bologna. I suoi soci sono genitori e famigliari di bambini dislessici, dislessici adulti, medici, psicologi, logopedisti e insegnanti.

Ad oggi è la più influente associazione italiana sui temi dei DSA, con 98 sezioni dislocate su tutto il territorio italiano, gestite da volontari AID, ed oltre 18.000 soci: genitori e familiari di bambini dislessici, dislessici adulti, medici, psicologi, logopedisti e insegnanti.

Gli obiettivi dell’Associazione sono di sensibilizzare il mondo professionale, gli insegnanti e la pubblica opinione sul problema della dislessia evolutiva e promuovere la ricerca e formazione nei diversi ambiti d’intervento, dai servizi sanitari e riabilitativi fino alla scuola. Inoltre offrire agli utenti un punto di riferimento sicuro e qualificato per ottenere consulenza e assistenza per l’identificazione del problema o per l’approccio riabilitativo e scolastico.

La dislessia è il disturbo con la maggiore prevalenza epidemiologica in età evolutiva e costituisce il problema più frequente che il bambino può incontrare in età scolare. Le attività proposte dalla sezione di Cremona, che opera in provincia dal 2004, hanno lo scopo di affiancare i genitori, gli insegnanti e gli operatori del settore nell’affrontare le difficoltà dei loro ragazzi con DSA.