martedì 29 Settembre 2020

Luca Quaresmini

Ha la passione dello scrivere che gli permette, nel rispetto dello svolgersi degli avvenimenti, di esprimere se stesso attraverso uno stile personale da cui ne emerge un corrispondente scibile interiore. Le sue costruzioni lessicali seguono percorsi che aprono orizzonti d’empito originale in sintonia con la profondità e la singolarità delle vicende narrate.
Advertisment

La crocerossina della Prefettura

Durante la Prima Guerra mondiale, tra quanti si erano personalmente sacrificati in un generoso sostegno, svolto a favore dell’azione benefica della “Croce Rossa”, c’era stata anche la moglie del prefetto di Brescia, Maria Carolina Sorge, morta, soccorrendo i malati ricoverati nel maggiore ospedale della città.

Il carbone di Salò

Il carbone di Salò. Pare che ce ne fosse a Barbarano, storica località, con tanto di castello, affacciato sul lago, nei pressi della nota cittadina propria del rinomato golfo salodiano. Un giacimento del genere rappresentava il riferirsi alla principale risorsa energetica per l’impiantistica a combustione.

Il rinoceronte di Bassano del Grappa

Un rinoceronte gigante incombe sul Brenta. Innocuo, inerte e posizionato in una collocazione appariscente, si erge, in un piccolo cortiletto a terrazza, aperto sul fiume, tra i raccolti perimetri aristocratici di palazzo...

C’è un relitto in fondo al lago

Lungo il tempo incommensurabile della navigazione umana sulle sue acque, il lago ha avocato a sé l’ultimo destino non solo di un numero indefinito di persone, ma anche di natanti e di imbarcazioni di vario genere, oltre che di navi e di velieri.

La tutela dell’ambiente nella tradizione prefettizia

Brescia - La Prefettura esprime una certa sollecitudine concreta a tutela dell’ambiente, dimostrata da una documentazione, tardo Ottocentesca rinvenuta che riporterebbe provvedimenti dei sindaci del territorio bresciano per la salvaguardia del patrimonio ambientale, con particolare riferimento all’ingente estensione forestale da tutelare, per il quale fu storicamente predisposto un apposito regolamento da fare rispettare.

Mostre / Il pellicano di Alessandro Bulgarini

Brescia - Il pellicano, nella nota immagine dove tale pennuto si ferisce il petto per nutrire i suoi piccoli, pare mutuata nella versione iconografica che è stata scelta a biglietto da visita per la mostra pittorica di Alessandro Bulgarini, in relazione all’esposizione personale che questo giovane artista bresciano propone, nell’incombere autunnale del 2020. 26 settembre - 25 ottobre.

Dai libri di storia alle prefetture: Luigi Zini, prefetto a Brescia

Insegnante di storia e di letteratura, era nato a Modena nel 1821 dove aveva, per tempo, seguito attivamente tutte le fasi di avvicendamento risorgimentali inerenti il suo territorio, divenendovi anche “intendente generale” nel 1859, deputato, per il collegio “Ferrara I Guastalla” dal 1865 al 1869, mentre la nomina a senatore arriverà nel 1876.

Mostre / I cavalli di Ilario Mutti

Calvisano, Brescia - Una mostra a Calvisano per raccontare il percorso di cinquant'anni di arte dell'artista bresciano. Dal 26 settembre al 12 ottobre.

Ottocentesca memoria

La domenica non si lavora. Una sollevazione popolare aveva indotto il datore di lavoro a desistere dall’impiegare quella manodopera che, nel giorno festivo, era stata di fatto rivendicata da una palese rimostranza...

La voce del Baldo, boati misteriosi e scosse telluriche ai piedi del monte

Monte Baldo - Nel buio più fitto, un boato, tra i monti innanzi al lago, tanto forte che in tempi di guerra, si pensava a qualche enorme esplosione in presidi strettamente militari del bacino gardesano. La verità è ci si riferisce a strane agitazioni del suolo e le scosse continuavano per alcuni mesi, mantenendo lo spavento in quegli abitanti.

Luca Quaresmini

Ha la passione dello scrivere che gli permette, nel rispetto dello svolgersi degli avvenimenti, di esprimere se stesso attraverso uno stile personale da cui ne emerge un corrispondente scibile interiore. Le sue costruzioni lessicali seguono percorsi che aprono orizzonti d’empito originale in sintonia con la profondità e la singolarità delle vicende narrate.