mercoledì 8 Aprile 2020

Luca Quaresmini

Ha la passione dello scrivere che gli permette, nel rispetto dello svolgersi degli avvenimenti, di esprimere se stesso attraverso uno stile personale da cui ne emerge un corrispondente scibile interiore. Le sue costruzioni lessicali seguono percorsi che aprono orizzonti d’empito originale in sintonia con la profondità e la singolarità delle vicende narrate.
Advertisment

Elena: la nave e la regina

Elena, nave e regina. Mezzo dell’allora Regia Marina e testa coronata effettiva che, della nave corazzata pluricalibro, aveva ispirato una certa dedicazione, da prediligere su tale nuova ammiraglia esclusiva, mediante una deferente versione evocativa.

Chiuso per virus

Brescia - “Chiuso per virus”, "Oggi chiuso", "Andrà tutto bene" sono soltanto alcuni dei cartelli affissi alle vetrine di bar e negozi che si possono vedere "camminando" per le strade di Brescia. Con il presente articolo una descrizione dei più e meno utilizzati dai negozi della Leonessa in questo periodo di chiusura forzata per prevenire la diffusione di Covid-19.

Maliarde e fantasmi del 600 bresciano

“Diario bresciano” o “Diario dei Bianchi”: Un antico manoscritto, passato da padre in figlio, nell’arco di più generazioni, riferisce alcuni particolari aneddoti vissuti dai contemporanei di quella somma di epoche nelle quali è stato progressivamente redatto da parte dei rispettivi suoi estensori.

Il Prefetto e le regole per il Teatro Grande

Spazio d’intervento riservato al Prefetto, nel maggior teatro cittadino. Trattasi, in questo caso, di un autorevole pronunciamento, espresso a ridosso di un dato periodo dell’antica tradizione teatrale del “Grande” di Brescia, lungo l’anno in cui si profilava l’avvento della “Prima Guerra Mondiale”, infatti il decreto è datato 15 gennaio 1914.

Pesce d’aprile nel dopoguerra

Ogni anno, tale giornata abbocca a chi la pesca, in un vago folclore, secondo una rispettiva tradizione. Quella relativa al cosidetto "pesce d'aprile". L'origine di tale specifica e giocosa pertinenza sembra apparire nella rosa di una serie di spiegazioni, alcune delle quali pure riferite dalle edizioni del quotidiano "Giornale di Brescia”, all'indomani del Secondo Dopo Guerra.

La base di Ghedi e gli intrecci con scuole ed istituzioni negli anni ’50

Il punto di incontro sembra sia stato l’evento a proposito di una visita delle scolaresche liceali presso la nota sede aeronautica della bassa bresciana, documentato dal “Giornale di Brescia” di domenica 23 maggio 1954,

Le città metafisiche al tempo del Coronavirus

Il fato incombe e la tragedia cova. I campanili, nel tempo del dover stare ritirati in casa, suonano per le chiese deserte. Questi, fra altri aspetti, sembrano emergere dalle città messe sotto scacco dal noto virus “Covid- 19”.

Il vescovo bresciano e riformatore in un libro di Mons. Cesare Di Pietro

Brescia - Leggendo le pagine del libro “Domenico De’ Domenichi (1416 – 1478) Vescovo Riformatore” scritto da Mons. Cesare Di Pietro è interessante appurare quanto l’operato riformatore del vescovo della diocesi di Brescia, dal 1464 fino alla morte nel 1478, abbia forse potuto scongiurare la lacerazione nella Chiesa a causa della riforma protestante.

Boccaccio ancor oggi

Un bel articolo di curiosità dove si descrive che anche al tempo suo, standosene riparati dal contagio, pur facendo gruppo, si evitava di andare in giro ed ecco che allora era stato composto il DECAMERONE.

L’arte di Francesco, detto Gino Medici

Francesco, detto Gino, Medici (1924), ormai veleggiante verso il secolo di vita, detta le proprie significative memorie, entro una lusinghiera esperienza di servizio consacrato al “bello ed al vero”, sottoforma di una chiara monografia curata da Mons. Osvaldo Mingotti.

Luca Quaresmini

Ha la passione dello scrivere che gli permette, nel rispetto dello svolgersi degli avvenimenti, di esprimere se stesso attraverso uno stile personale da cui ne emerge un corrispondente scibile interiore. Le sue costruzioni lessicali seguono percorsi che aprono orizzonti d’empito originale in sintonia con la profondità e la singolarità delle vicende narrate.