logoEra il 2007 e Olivier Bremer, nato in Germania e cresciuto in Umbria, stava studiando Relazioni internazionali in un’università tedesca. Quando voleva tornare a casa, si rendeva conto che treno e aereo erano troppo cari e che l’unica via per ammortizzare i costi era l’uso di un’auto condivisa.

Così ha pensato: perché non creare uno strumento che unisca domanda e offerta? Ecco Postoinauto.it, poi sfociato nel network Blablacar, il cui avvio ufficiale è stato nel 2009 fra Francia, Gran Bretagna, Spagna, Belgio, Olanda, Lussemburgo, Polonia e dal 2012 sbarcato in Italia.

Un successo ovunque e in continua crescita. Il funzionamento è semplice: un conducente offre online un passaggio, indicando data, ora e luogo di partenza.

I passeggeri, invece, possono con un motore di ricerca vedere l’elenco di passaggi disponibili, e una volta scelta la loro opzione entrare in contatto con il conducente, tramite il sito o telefonando direttamente.In Italia, oltre a Roma-Milano e viceversa, le tratte più richieste sono Milano-Torino e Roma-Bari.

Poi ci sono i passaggi a media frequentazione un po’ in tutta Italia e in ogni giorno della settimana.A stabilire il prezzo del passaggio è lo stesso conducente dietro consiglio dello staff di Blablacar. Più persone salgono a bordo, più è economico il viaggio. In generale, la media è di 5 euro per 100 chilometri.

Macri Puricelli
Nata e cresciuta a Venezia, oggi vivo in mezzo ai campi trevigiani. Fra cani, gatti, tartarughe, tre cavalle e un'asina. Sono laureata in filosofia e faccio la giornalista da più di trent'anni fra quotidiani e web. Dal 2000 mi occupo della comunicazione on e offline di Cassa Padana Bcc e dallo stesso anno dirigo Popolis. Quanto al resto...ho marito, due figli e tanti tanti animali.