La bellezza come insieme armonico di elementi visibili e invisibili, come sintesi di un
equilibrio tra ciò che è dentro, l’anima, e ciò che sta fuori, il corpo.

È questo uno dei pilastri fondanti dell’Ayurveda, antica filosofia nata in India 5000 anni fa, e oggi riscoperta, rivisitata e applicata ai campi più disparati, dalla cucina all’estetica.

“Ho capito quanto la filosofia Ayurvedica sia sempre più attuale, sebbene sia la medicina naturale più antica che l’uomo conosca”, racconta Lucio Zanella, titolare di Samudra Wellness, azienda specializzata in prodotti di bellezza di origine vegetale.

Proprio la linea di prodotti Samudra, che in sanscrito significa oceano, letteralmente ‘il radunarsi delle acque’, ha alleviato tensioni e regalato momenti di benessere ai vip e ai giornalisti durante l’edizione 2020 del festival di Sanremo.

E a Casa Sanremo gli aromi made in Italy e naturali al cento per cento l’hanno fatta da padrone, cacciando via ansie e tensioni.

Zanella, una vita da rappresentante di grandi aziende specializzate in prodotti per estetisti
e parrucchieri, si è avventurato nella produzione dal 2012, proponendo sul mercato una
linea completa di prodotti cosmetici vegetali di altissima qualità per il benessere fisico, mentale ed emozionale.

“Alla base della filosofia ayurvedica c’è la consapevolezza di quanto la prevenzione sia preziosa per il benessere, ben più della cura. E uno stile di vita consapevole diventa la chiave per una vita lunga, equilibrata, appagante”.

Via libera, dunque, a profumi e aromi avvolgenti e sensuali, come la vaniglia, l’arancio, il cocco.

A trattamenti a base di oli essenziali che favoriscono il rilassamento e il sonno, scelti a
seconda delle loro proprietà, ma soprattutto a seconda della costituzione individuale della
persona alla quale è indirizzato il rituale.

Secondo la filosofia ayurvedica, infatti, ciascun individuo nasce dalla combinazione di Vata, Pitta, Kapha, i principi chiave che danno vita alla costituzione psicosomatica, racchiudendo in sé i 5 elementi: spazio, aria, fuoco, terra, acqua.

Cannella e cumino, allora, diventano gli alleati per purificare la pelle; la lavanda
allontana lo stress, il finocchio allontana le tossine.

Potrebbe essere proprio questa la frontiera dell’estetica, ai tempi delle paure e della
ricerca spasmodica, quasi disperata, di un benessere a tutto tondo capace di alleviare le
fatiche di una vita dettata da stress e psicosi.

La cosmesi, dunque, diventa sempre più green, e il fiore all’occhiello di grandi e piccole aziende è la qualità delle materie prime, unita all’assenza di prodotti sintetici.

“L’assenza di sostanze chimiche come petrolati, parabeni, siliconi, coloranti e conservanti permette ai principi attivi impiegati di arrivare più agevolmente alla cute vitale garantendo così la massima efficacia”, continua Zanella.

Via libera, dunque, alla sapiente unione degli elementi al servizio del benessere. Con una
cosmetica che si propone di andare al di là di un semplice trattamento di bellezza.

“Secondo l’ayurveda ogni essere umano è unico e irripetibile”.

E il nostro equilibrio è influenzato dal mutare delle stagioni, dall’ambiente, dalle emozioni che ci attraversano.

Arriva in soccorso la natura, quindi, e tra un massaggio al profumo di vaniglia e un
trattamento rigenerante per i capelli, si rinnova l’invito a riscoprire in un profumo il segreto
per ritrovare un piccolo, intenso momento di felicità.