Tempo di lettura: 2 minuti

Mi riscrive Azzurra, femmina, 18 anni, mano destra

grafo_azzurra2

Azzurra mi scrive di aver paura della morte.
La tanatofobia (cioè, appunto, la paura della morte) fa parte di quella serie di paure umane che tutti, in gradi diversi, abbiamo.

Se avessi Azzurra davanti a me, potendola guardare in volto, per riconoscere in Lei anche le microespressioni inconsce, le chiederei: “in che senso, della MORTE?” Perché possono esserci molte sfaccettature in questa frase.
E’ paura dell’annullamento di ciò che si conosce in vita?
Del dover lasciare ciò che si ama?
Dell’infinito e del nulla?
Ha una fede, AZZURRA? Un CREDO religioso?
Come è considerato, dalla Religione che segue, l’Al di là?
E’ pace, serenità, o premio /punizione per il suo comportamento in vita?

Ed esiste, per Lei, una vita dopo la morte? O no?
Per alcune religioni, per alcune civiltà che credono nella metempsicosi, morire è solo accedere ad una vita terrena nuova, sotto altre spoglie… Per altre, è solo un viaggio, che inizia e termina, così, senza un criterio preciso. Per altre ancora, è tutto deciso, predestinato. Tutte domande a cui richiederei risposta.

Ed ancora: E’ la fine del vivere, che fa paura, o è l’idea della progressione di dolore e malattia che precede la morte? Azzurra ha avuto occasione di stare accanto a qualcuno che ora non c’è più: amici, compagni di scuola. Ed avrà effettuato, nella sofferenza del distacco, tutte quelle elucubrazioni che vengono spontanee a ciascuno di noi, quando è necessario elaborare un lutto, a qualsiasi età accada.

Ha visto in televisione, ha sentito di guerre, di dolori, di disgrazie.
E’ abbastanza naturale che il pensiero si soffermi su tutto questo, data anche la sensibilità che la contraddistingue. Sarebbe interessante, comunque, ricevere risposta alle domande che ho posto.
Avrà voglia, Azzurra di fare questo esperimento anomalo?
Un colloquio tramite Popolis…potrebbe essere un’idea, vero?

Proviamo, Azzurra?

CONDIVIDI
Anna Grasso Rossetti
Dopo l'insegnamento mi sono dedicata alla libera professione di: psicologa, perito grafico, esperto del segno presso i Tribunali, docente di psicologia della scrittura, di comunicazione fattiva e tecniche di rilassamento, consulente in Sessuologia, psicologa dello Sport. Sono iscritta al Collegio Lombardo Periti Esperti e Consulenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *